E’ partita oggi la campagna antincendio boschivo nella Tuscia. Un’iniziativa di sensibilizzazione per impedire che uno dei territori più preziosi possa essere deturpato. Si tratta di un’azione mediatica contro gli incendi boschivi. Un problema che purtroppo ogni estate colpisce, distruggendoli, migliaia di ettari del patrimonio naturalistico, e che nel 2007 ha visto la Regione Lazio con 729 incendi, e 4.643 ettari di bosco andati in fumo, salire al quarto posto tra le regioni italiane più colpite.

 

“Questa iniziativa – ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Antonio Rizzello durante la conferenza stampa di presentazione – rappresenta il terzo filone di interventi mirati sulla sicurezza. Purtroppo siamo consapevoli che nonostante l’alta preparazione degli uomini preposti al controllo e alla tutela non sempre è possibile eliminare il problema degli incendi alla radice. E questo perché serve una crescita culturale della società. Credo per questo che una campagna mirata come quella che inizierà oggi possa essere un valido aiuto”.

 

Da questa mattina quindi in tutto il territorio della provincia saranno affissi manifesti di grande impatto che danno la percezione del rischio. Inoltre sarà fatto volantinaggio e  alla campagna è stato dedicato un sito internet (www.myspace.com/anticendio08viterbo) .

 

“Il nostro dovere – continua Rizzello - è quello di formare i volontari della Protezione civile ma anche di tutelare, con appositi accorgimenti, il territorio e i cittadini. La Tuscia è un prodotto in quanto tale per questo dobbiamo far in modo di preservarlo così anche in futuro. Per questo più il messaggio è diretto e più tra la gente ci sarà un’assunzione di consapevolezza che aiuterà a risolvere questo grave e pericoloso problema. Su ogni manifesto o volantino inoltre ci sono i numeri di telefono utili da chiamare in caso di incendio”.

 

 

LA CAMPAGNA

La campagna che si svilupperà per i 60 paesi della provincia, ha scelto di colpire

l'attenzione della popolazione con uno scenario che intende creare una sensazione di pericolo. L'immagine propone infatti delle fotografie a tutto campo di zone molto valide, naturalisticamente parlando, del territorio, ritoccate in modo da far sembrare che siano state colpite da un incendio.

 

Il claim recita: “Non permettere che questo accada”, richiamando ogni cittadino di qualsiasi età a non sentirsi al di fuori della questione... ognuno infatti, con comportamenti responsabili e di buon senso può già fare molto, ad esempio chiamare il 1515, il numero verde di pronto intervento del corpo forestale (come si legge nella campagna) può proteggere il proprio ambiente, il luogo in cui vive e riuscire a fermare un incendio prima che prenda l'aggettivo: disastroso.

 

Le zone prescelte come scenario della nostra campagna sono:

- La vallata del lago di Bolsena

- La Faggeta di Soriano.

Luoghi simbolo delle bellezze ambientali della Tuscia.

 

Una campagna personalizzata a tutti gli effetti per la Tuscia viterbese soggetto

protagonista, della campagna.

 

Ambientando la campagna in zone perfettamente riconoscibili del Viterbese, si

vuole colpire al cuore il target verso cui la campagna si rivolge: tutti gli abitanti

della provincia di Viterbo, chiamandoli in causa in quanto abitanti di quei luoghi e

non facendogli più sentire questo problema come un fatto a loro lontano.

 

La distribuzione di tale contenuto sarà capillare, raggiungerà infatti tutti i più

importanti paesi della provincia sia attraverso i manifesti che verranno affissi,che

attraverso la distribuzione di volantini nei centri di maggior aggregazione della

provincia e in special modo nella Viterbo centro.

 

Nel volantino, che ripropone nello sfondo un albero verde stilizzato, logo della

campagna antincendio, e simbolo di speranza, che richiama alla bellezza della

natura quando non è intaccata dalle problematiche in questione, si possono

trovare le informazioni base di comportamento per non essere responsabili anche

involontariamente di incendi che potrebbero propagarsi provocando dei seri

danni.

 

QUALCHE NUMERO

Dal 1° gennaio al 14 ottobre 2007 si sono verificati in Italia complessivamente 9.318 incendi boschivi che hanno percorso 141.341 ettari, di cui 68.094 boscati e 73.247 non boscati Rispetto allo stesso periodo del 2006 quando i roghi erano stati 5.398, si è assistito a un aumento del 70% del numero degli incendi. In aumento (+270%) anche la superficie totale percorsa dalle fiamme che passa da 38.358 ettari del 2006, agli 141.341 del 2007. La superficie boscata andata in fumo è notevolmente  aumentata (+340%) rispetto alla superficie rilevata nello stesso periodo del precedente  anno (15.609 ettari del 2006 contro i 68.094 del 2007), aumenta del 220% anche quella non boscata (22.749 ettari del 2006 contro i 73.247 del 2007).

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...