Non contenti dei danni ambientali di cui sono causa da molti anni, i cementieri locali hanno ottenuto l'autorizzazione regionale ad utilizzare i rifiuti differenziati ed imballati (soprattutto plastiche, carta, cartone) come combustibile da bruciare nei propri impianti.
Il grande impianto guidoniano ha colto al balzo le due occasioni che, con estrema gentilezza, il governo nazionale e la Giunta regionale del Lazio hanno offerto. Infatti, come è noto, nell'area dell'Inviolata di Guidonia la grande discarica per rifiuti solidi urbani è da tempo all'esaurimento ed il solerte gestore  ha ottenuto l'autorizzazione regionale a costruire un enorme impianto di produzione di CDR accanto all'invaso in cui conferiscono immondizia ben 49 comuni della provincia romana e molte aziende private. La stessa Giunta di Piero Marrazzo, con il varo del Piano rifiuti regionale del luglio 2008, ha concesso ai cementifici di utilizzare il CDR come combustibile.

Inoltre, grazie al “Patto per la tutela dell’Ambiente”, sottoscritto il 7 luglio 2009 con il Ministero dell’Ambiente e “finalizzato alla riduzione dei gas a effetto serra”, diversi impianti che producono cemento hanno fatto richiesta di utilizzo dei cosiddetti “combustibili alternativi” (come vengono considerate le “ecoballe”).
Le associazioni, i comitati locali, la Rete Regionale Rifiuti del Lazio respingono invece questo atteggiamento (più volte perseguito come mafioso, corruttivo, clientelare dalla magistratura) di aperta connivenza tra “poteri forti” - i cementieri e i “monnezzari” - e politici nazionali e locali.
Produrre CDR e bruciare rifiuti sono due tra i molti, inutili e nocivi atti che la società dei consumi continua a creare, provocando danni ambientali enormi e minando la salute degli esseri viventi. Ma ancor più censurabile è il fatto che si distrugga una risorsa collettiva (il rifiuto differenziato) per generare profitto privato.

Il ritardo con cui il Comune di Guidonia Montecelio sta – forse – avviando la raccolta differenziata “spinta” dei rifiuti urbani (a distanza di due anni e mezzo dal tanto strombazzato annuncio), è, con tutta evidenza ed ancora una volta, a vantaggio degli industriali ed inquinatori locali.
L’alternativa all’incenerimento esiste già! Riduzione dei rifiuti, riuso degli oggetti, raccolta differenziata spinta e RICICLO TOTALE.

Comitato per il Risanamento ambientale di Guidonia

- Uno Notizie Guidonia -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...