Dopo l’esperimento dello scorso aprile, che ha visto i fondi prosciugati in sole 3 settimane, tornano gli incentivi governativi per l’acquisto di biciclette, ciclomotori e motocicli “ecologici”.

Da circa una settimana, dunque, è partita la nuova tornata di sconti per avvicinare gli italiani ai mezzi meno inquinanti: biciclette in primis, ma anche motocicli, tricicli e quadricicli elettrici o ibridi e ciclomotori.

Uno stanziamento di 12,8 milioni di euro, cui si  aggiungono altri 1,7 di rimborsi per i rivenditori che aspettano ancora di essere pagati dalla primavera scorsa, quando il fondo di 8,7 milioni era stato spazzolato via in soli 21 giorni e, complice un sistema informatico intasato, si erano venduti più mezzi incentivati di quelli che lo stanziamento avrebbe permesso.

Una nuova piattaforma informatica per evitare errori

Quest’autunno però non si faranno cogliere impreparati, ci dicono dal ministero, che ha organizzato la distribuzione degli incentivi assieme all’Ancma (l’associazione dei produttori di cicli e motocicli) e al Cei-Cives  (la Commissione veicoli elettrici del Comitato elettrotecnico italiano).

Innanzitutto  è stata modificata la piattaforma informatica, per evitare la ripetizione del disastro dell’aprile scorso (che ha visto i sistemi in tilt e i rivenditori impossibilitati a soddisfare i clienti), poi sono cambiati i requisiti per l’accesso ai finanziamenti e gli importi degli incentivi. Somme più piccole, che dovrebbero essere distribuite su più mezzi e di diverse tipologie, con la speranza che il fondo duri di più rispetto alla prima tornata.

Per verificare se una bici o uno scooter elettrico godono dello “sconto di Stato” occorre andare su www.incentivibiciclette.minambiente.it, il sito predisposto dal ministero, e cercarli nell’elenco dei modelli ammessi, redatto da ministero e Ancma, che valutano le richieste di produttori e importatori. A quel punto dal rivenditore si può acquistare il mezzo in questione, pagandolo al netto dell’incentivo previsto, che, lo ripetiamo, è calcolato sul prezzo di listino. Spetterà poi al negoziante inoltrare on line la richiesta di rimborso.

Chi gode degli sconti di Stato

Restano invariati gli incentivi per gli altri mezzi. La sola novità riguarda i mezzi elettrici che, come le biciclette, concorrono all’incentivo anche senza la rottamazione di un altro mezzo “vetusto”, Euro 1 o Euro 0, che resta invece la condizione indispensabile per gli incentivi sui mezzi a benzina o ibridi. Meno di tutti ricevono i ciclomotori a due tempi a benzina: l’8% del prezzo di listino fino a un massimo di 180 euro, e poi via a salire passando per i ciclomotori a 4 tempi (30% fino a 500 euro), elettrici o ibridi (30% fino a 850 euro), e su fino a motocicli, tricicli e quadricicli, incentivabili solo se ibridi o elettrici e che ricevono un contributo pari al 30% del prezzo fino a un massimo di 1.300 euro.

LE AGEVOLAZIONI

  • Biciclette: 30% sul prezzo di listino fino a un massimo di 200 euro.
  • Biciclette a pedalata assistita:30% sul prezzo di listino fino a un massimo di 450 euro.
  • Motociclo elettrico: 30% fino a un massimo di 1.300 euro compresi eventuali altri incentivi statali.
  • Motociclo ibrido Euro 3: solo se si rottama un ciclomotore vetusto (Euro 0 o Euro 1), 30% fino a un massimo di 1.300 euro compresi eventuali altri incentivi statali.
  • Quadriciclo elettrico: il 30% del costo del veicolo fino a un massimo di 1.300 euro.
  • Quadriciclo o triciclo Euro 2 ibrido: solo se si rottama un ciclomotore vetusto, 30% del costo del veicolo fino a un massimo di 1.300 euro.
  • Ciclomotore elettrico: 30% sul prezzo di listino fino a un massimo di 850 euro.
  • Ciclomotore Euro 2 ibrido: se si rottama un ciclomotore vetusto, 30% sul prezzo di listino fino a un massimo di 850 euro.
  • Ciclomotore Euro 2 a quattro tempi o a ridotto consumo: se si rottama un ciclomotore vetusto il 20% del costo del veicolo fino a un massimo di 500 euro.
  • Ciclomotore Euro 2 a due tempi: con contestuale rottamazione di un ciclomotore vetusto, l’8% del costo del veicolo fino a un massimo di 180 euro.

In ciascun anno solare, ognuno può godere dell’incentivo per l’acquisto di un solo mezzo.


Notizia riportata da Consumer

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...