Nei giorni scorsi il consiglio Provinciale di Viterbo ha votato all’unanimità l’ordine del giorno che  sottoscriveva la volontà di inviare le osservazioni alla richiesta di rinnovo dell’AIA da parte di Enel SPA per TVN a Civitavecchia, facendo proprie le osservazioni dei Movimenti no coke, il Forum Ambientalista e vari consiglieri comunali del comprensorio per inoltrarle al Ministero dell'Ambiente e visibili sul sito istituzionale www.minambiente.it, sezione AIA.

Lo stesso sarà chiesto al consiglio del comune di Tarquinia nella prossima seduta, di unire alle firme di centinaia di cittadini, quelle della rappresentanza isitituzionale per presentare le osservazioni alla richiesta AIA di TVN.

Agli inizi del 2009 il Movimento No Coke Alto Lazio ha denunciato la scadenza dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) della centrale a carbone di Civitavecchia.

Questo ha costretto Enel a presentare la domanda di rinnovo contro cui le popolazioni inquinate hanno depositato puntuali e precise osservazioini.

Il fatto che Enel abbia chiesto il rinnovo dell'AIA con due anni di anticipo dimostra la fondatezza delle denunce.

Invece il silenzio colpevole dei sindaci e il mutismo dei consiglieri comunali, soprattutto dei medici, stride sempre più con l'attività di chi si batte per salvare questo territorio dall'industralizzazione pesante rilanciata dal carbone.

Gli amministratori non vedono, non sentono e non parlano. E non si tratta di questioni sofisticate bensì di cose semplici.

Alcuni esempi: nella domanda di rinnovo Enel chiede di bruciare più carbone, 4.500.000 di tonnellate invece delle 3.900.000 autorizzate nel 2003 dal Ministero delle Attività Produttive.

Se Enel dovesse spuntarla le 600.000 tonnellate annue in più saranno state approvate anche da chi avrà taciuto e sarà corresponsabile di quell'incremento di morbilità e mortalità che i programmi di calcolo dell' Unione Europea permettono di calcolare con precisione.

Poi c'è la questione del monossido di carbonio (CO) che Enel vuole rilasciare nell'ambiente in quantità tre volte maggiore di quella massima consentita dalle norme europee.
Anche in questo caso il silenzio è colpevole.

E non cambia molto che la responsabilità venga condivisa con Berlusconi, con i suoi Ministri e con il voltagabbana Marrazzo, che al punto 72 del suo programma elettorale promise di fermare TVN ma poi divenne il maggior artefice dell'operazione “bocche cucite”.

Poi c'è molto altro ed è scritto nelle nostre osservazioni.

Il Consiglio Provinciale di Viterbo ha scelto di non rendersi complice di tutto ciò, non ha taciuto e ha dato forza alle osservazioni dei cittadini; grazie a ciascuno dei consiglieri provinciali a nome delle popolazioni inquinate.
 
Comitato dei cittadini liberi
comitatocittadiniliberi@yahoo.it


- Uno Notizie Civitavecchia -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

VITERBO: CAMMINANDO DAL RESPOGLIO ALLA QUERCIA UTILIZZANDO LO STORICO PERGOLATO

Attualmente a Viterbo il quartiere Respoglio è collegato a La...

Domenica 2 giugno gratis a Palazzo Farnese di Caprarola e Villa Lante

Un’occasione da non perdere per visitare Villa Lante il meraviglioso parco con i suoi giardini...

DMO Expo Tuscia press tour a Viterbo, Montefiascone e Bolsena

Continuano a pieno ritmo le attività della DMO Expo Tuscia. Dopo gli appuntamenti al TTG/Rimini...

San Pellegrino in Fiore, eventi a Viterbo Sotterranea

San Pellegrino in Fiore, domenica a Viterbo SotterraneaDomenica in programma visite guidate alla...

TV, Osvaldo Bevilacqua e Sergio Cesarini promuovono Viterbo

Osvaldo Bevilacqua, giornalista detentore dal 2015 del Guinness World Records TV per il Travel...

Bolzano, Loacker: dolce ricetta aziendale dalla squisita bontà famigliare

Sostenibilità significa avere uno stile di vita rispettoso delle risorse a disposizione, in grado...

DOBBIAMO MOLLARE? /riflessioni su TarquiniaCittà di Luigi Daga. Cita le infiltrazioni mafiose a Tuscania

A seguire l\'articolo scritto 15 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...