Una delegazione di Provincia, Comune di Terni e Asm (presenti gli assessori provinciali all’ambiente Fabrizio Bellini e alla Sanità Marcello Bigerna, il sindaco Leopoldo Di Girolamo, l’assessore comunale all’Ambiente Luigi Bencivenga, dirigenti e tecnici delle due amministrazioni e il presidente dell’Asm Stefano Tirinzi) si è recata nei giorni scorsi a Treviso in visita al Centro riciclo Vedelago per conoscere i sistemi innovativi degli impianti di riutilizzo dei rifiuti.

Gli amministratori hanno visionato i sistemi di lavorazione della raccolta differenziata le cui fasi principali consistono nella pulizia, selezione, imballaggio e invio alle fabbriche di trasformazione dei materiali che poi vengono reintrodotti nei cicli produttivi. “La visita - sottolineano Bellini, Bigerna, Di Girolamo e Bencivenga - si inserisce nell’ambito dell’attuazione dei programmi riguardanti la gestione del settore in osservanza ai principi del nuovo piano regionale dei rifiuti”. “E’ necessario – aggiungono i due assessori provinciali - costruire e dare corpo ad un moderno ciclo integrato.

La Provincia di Terni, sulla base del nuovo piano regionale, intende sviluppare politiche di riduzione dei rifiuti alla fonte, di aumento della raccolta differenziata e di sviluppo della filiera del riciclo, realizzando nel contempo l’autosufficienza di ambito attraverso una moderna impiantistica. L’obiettivo è dare vita ad una politica industriale attiva, in grado di incentivare la realizzazione di una vera e propria filiera industriale del riciclaggio e del riuso”.

Il Centro riciclo Vedelago, società all’avanguardia nel settore, gestisce dal 1999 un impianto di stoccaggio e selezione meccanica di rifiuti ai fini del recupero dei materiali. L'attività consiste nel ricevere le frazioni secche riciclabili, selezionarle in base alla composizione merceologica, compiere le operazioni necessarie per la riduzione volumetrica, gestire la fase di destinazione in uscita delle singole tipologie di materiali che, in relazione alla possibilità di riutilizzo, vengono consegnati a impianti di seconda lavorazione o a specifiche aziende che li impiegano nei loro cicli produttivi.

All’impianto di riciclo conferiscono i Comuni, singoli o consorziati, e le aziende produttive che attuano la raccolta differenziata. Per la consegna dei materiali in uscita Vedelago utilizza una piattaforma convenzionata con i consorzi nazionali di filiera Co.re.pla. (plastica), C.n.a. (acciaio e ferrosi), C.i.al.(alluminio), Co.re.ve. (vetro), Comieco (carta) e Rilegno (legno).

- Uno Notizie Terni -


 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Un libro di Antonello Durante per capire il Green New Deal

Il Gruppo Albatros il Filo ha pubblicato per la collana Nuove Voci I Saggi, un agile volume di 110...

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...