Nuova Guinea: per il biodiesel assalto alle foreste della Nuova Guinea - L'assalto è cominciato. La porzione occidentale della Nuova Guinea, sotto il controllo indonesiano, è il target predestinato: foreste incontaminate e territori indigeni. A pianificare l'assalto è un piccolo ma deciso gruppo di imprese, lanciate all'assalto del mercato dei prossimi decenni: il biodiesel.
Una serie di investigazioni sul campo condotte dall'Environmental Investigation Agency, assieme all'associazione indonesiana Telapak, hanno portato alla luce il massiccio il metodico processo di sequestro delle terre indigene per sostituire la foresta con piantagioni di palma da olio.

Le comunità vengono ingannate con promesse di sviluppo o più semplicemente rimosse con la forza dalle proprie terre ancestrali, mentre une delle più grandi e intatte foreste pluviali viene cancellata dalla faccia della terra. Il rapporto Papua, the last frontier denuuncia casi limite, come bambini di otto anni forzati a firmare la cessione delle terre per conto dei propri genitori. Quando i terreni vengono pagati, i prezzi sono irrisori, e oscillano tra i 54 dollari l'ettaro e un dollaro e mezzo per ettaro.
La foresta viene poi rimossa senza aspettare i permessi previsti dalla legge, e il governo chiude un occhio, anzi due.

"Le imprese imbrogliano i papuani e li costringono a cedere loro le terre, con promesse vuote, mentre il governo copre loro le spalle in nome delllo sviluppo" commenta amareggiato Hapsoro, di Telapak.
Il boom delle piantagioni è alimantato dalle politiche governative volte alla crescita della produzione di biodiesel, prevalentemente dell'olio di palma: secondo i piani governativi, le piantagioni dovranno estendersi dagli attuali 6 milioni di ettari a 20 milioni di ettari, e gran parte di questa espansione si verificherà nella Nuova Guinea, dato che le foreste di Sumatra Kalimantan (Borneo) sono ormai sature di piantagioni. Nel 2007 l'Indonesia è diventua il primo produttore mondiale di olio di palma. 

- Uno Notizie Nuova Guinea -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...