Stamattina sono stati convocate dall’assessore alla Caccia Mario Trapè le associazioni venatorie della Tuscia per discutere del piano di abbattimento dei caprioli. Alla riunione erano presenti Federcaccia, Liberacaccia, Arci caccia, Italcaccia, Enal caccia, il presidente dell’Urca Enrico Brenciaglia e Fioravante Serrani dell’Università della Tuscia.

 

“Ho convocato i rappresentanti delle associazioni – ha detto Trapè – per capire come dobbiamo continuare, perché non è stata fatta nessuna mattanza, ma tutto è stato compiuto nel pieno rispetto delle leggi. Tanto che anche l’Infs (Istituto nazionale per la fauna selvatica) ci ha fornito la sua collaborazione ed espresso parere favorevole”.

 

Il piano mira infatti alla riduzione dei danni che un disequilibrio potrebbe creare nel territorio. Dall’inizio dell’abbattimento programmato sono stati uccisi 12 capi e il 19 settembre si concluderà la prima fase del piano. “Il regolamento è passato in consiglio, il piano in giunta – ha proseguito Trapè - e si tratta di un’attività importante per la gestione faunistica venatoria.

 

Non a caso le Province limitrofe come Siena hanno adottato da tempo piani simili per l’abbattimento programmato, per evitare danni all’agricoltura e all’ambiente che queste specie potrebbero creare. Proprio come è successo con i cinghiali”.

 

Le associazioni hanno dato il loro pieno consenso nel continuare il lavoro intrapreso dall’assessore, che ha eseguito il piano nel rispetto della legge e delle zone Sic e Zps.

 

Inoltre durante la riunione Trapè ha annunciato che per il 18 settembre è stata convocata l’assemblea che eleggerà il nuovo consiglio direttivo dell’Atc 1, che metterà fine al commissariamento.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...