Greenpeace si congratula con il Presidente Barack Obama per il Nobel per la Pace e lo invita a usare questa opportunità per ottenere un accordo ambizioso, giusto e legalmente vincolante quando, la settimana prossima, parteciperà al summit delle Nazioni Unite sui Cambiamenti climatici di Copenhagen.

Per le strade di Oslo, nell’aeroporto e nel porto della città – dove è all’ancora la nave Rainbow Warrior di Greenpeace – l’associazione ha chiesto a Obama una leadership forte per fermare i cambiamenti climatici, con striscioni e poster con scritto “LO HAI VINTO, ORA MERITATELO” (YOU WON IT, NOW EARN IT).

"I cambiamenti climatici sono una delle più gravi minacce alla pace nel mondo” afferma Kumi Naidoo, Direttore Esecutivo di Greenpeace International “Chiediamo al Presidente Obama di agire adesso per salvarci da cambiamenti climatici catastrofici. Obama ha vinto il nobel anche per il suo approccio al problema del clima, ma ora ha il dovere di andare a Copenhagen e meritarselo”.

Ad oggi gli Stati Uniti hanno proposto un impegno di ridurre le emissioni di appena il 4% rispetto al 1990. Questa offerta è troppo debole per recepire la richiesta di riduzione del 25-40% dell’IPCC, l’organismo scientifico delle Nazioni Unite che ha vinto il Nobel nel 2007.

"Abbiamo la tecnologia, le risorse economiche e l’imperativo morale di agire ora. Manca solo la volontà politica” continua Naidoo. “Obama ha spesso usato lo slogan ‘Yes We Can’. Ora lo slogan dovrebbe essere ‘Yes We Can and We Must’, signor Presidente”.

Greenpeace chiede che al Summit di Copenhagen sia raggiunto un accordo storico legalmente vincolante che includa:
- per i Paesi industrializzati un taglio del 40% delle emissioni di gas serra al 2020 rispetto al 1990;
- 140 miliardi di dollari l’anno dai Paesi industrializzati ai Paesi in via di sviluppo per fronteggiare i cambiamenti del clima, per ridurre le emissioni di gas serra e per fermare la deforestazione;
- fermare del tutto la deforestazione delle aree tropicali entro il 2020;
- per i Paesi in via di sviluppo la riduzione della crescita delle emissioni del 15-30% rispetto alle previsioni al 2020, con l’aiuto dei paesi industrializzati.

- Uno Notizie Oslo -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...