Civitavecchia
- A distanza di un anno dal tragico assassinio di Cheikh Mory Diouf torniamo ancora a manifestare alla città di Civitavecchia il nostro sdegno, la nostra inquietudine, il nostro dolore per quanto accaduto.


Non possiamo dimenticare l'assurdità di una vita spezzata in questo modo, con il gesto vile di una violenza che non ha nome.

La dura realtà dei fatti ci impone di non dimenticare.

Ce lo impongono i sei figli di Diouf rimasti orfani in Senegal, senza una chiara prospettiva di vita, spogliati dell'affetto del padre, oltre che delle risorse necessarie a una vita dignitosa, che il lavoro in Italia di Diouf poteva garantire loro.

Ce lo impongono le condizioni di milioni di migranti in Italia, tesi alla ricerca di migliori prospettive esistenziali, costantemente frustrate e negate da una società che dimentica sempre più il sacro dovere dell'accoglienza e mostra, invece, il volto duro dell'arroganza e dell'intolleranza.

Ce lo impone l'ingiustizia insopportabile di un'avventura migratoria, come quella condotta da Diouf, iniziata sotto i migliori auspici di una vita laboriosa e spezzata assurdamente con il rientro in patria all'interno di una bara.

Vogliamo tornare a raccontare chi era Diouf, quali erano le sue aspirazioni, in che modo sognava, pur partendo da un contesto difficile come quello africano, di garantire un futuro a sé e alla propria famiglia.

Chiediamo alla città, che ha già fatto tanto per Diouf, sia quando era in vita, sia dopo la sua drammatica scomparsa, di continuare insieme a noi a ricordare la sua esistenza di migrante e a mantenere desta l'attenzione sulla vicenda processuale ancora in corso affinché venga fatta giustizia.

Chiediamo alle Istituzioni cittadine di ufficializzare la necessità di questo ricordo, chiediamo che alla memoria di Cheikh Diouf venga dato un riconoscimento pubblico, con l'intitolazione di una via o di un altro spazio a uso comune.

La comunità Senegalese e la Civitavecchia Solidale

- Uno Notizie Lazio - Civitavecchia -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...