Piemonte, Torino: No Tav, la Val di Susa unita insorge. Grande successo della manifestazione contro la disastrosa TAV -  numeri della Valle di Susa: 40 mila persone su una Valle di 60 mila che scendono in piazza per dire no al tav, no alle trivelle e no alla militarizzazione che si portano dietro.
Il popolo è quello di sempre: donne, moltissimi bambini, anziani, studenti, operai, commercianti…


Tutti: come è più del 2005.

Tutti a sfilare nonostante il termometro segnasse -3.

Anche questo è un segnale. A prescindere ci siamo. E se alle 18 di un giorno infrasettimanale mille persone bloccano un' autostrada o assediano una trivella sanno chi hanno dietro.


Durante la sera la soddisfazione era enorme, in Valle si respirava un' aria serena dopo una settimana fatta di notti all’addiaccio e di confronti con le forze dell’ordine.


Poi alle 3.00 arriva la notizia: il presidio di Borgone completamente distrutto da un incendio.

Sui muri vicini la firma: SI’ TAV.


La mafia ha risposto alla manifestazione come sa fare.

Agendo nel cuore della notte e distruggendo un simbolo della nostra lotta.

Come a Bruzolo la scorsa settimana. Di notte, come le trivelle arrivate questa settimana.


Ma se pensano di intimorirci o di spaventarci si sbagliano.


Questi gesti non fanno che rafforzare la nostra lotta e la nostra unità.

E’ chi fa questi gesti che dimostra la paura di aver perso. Sono alla frutta e lo dimostrano.


Noi non abbiamo paura e non indietreggeremo di un millimetro.

Il presidio di Borgone è già stato ricostruito nel pomeriggio.



Ps.: Si è svolto il convegno si tav al Lingotto di Torino.

Non meriterebbe neanche una riga di commento visto il flop che hanno fatto, senonchè i mandanti politici del vile gesto di ieri notte sono quei politici che ogni giorno esasperano i toni e insultano una popolazione rea di voler difendere il proprio territorio e il proprio futuro.

Quei politici erano quasi tutti presenti dentro la sala del Lingotto.


- Uno Notizie Piemonte -  Val di Susa - Torino -

Commenti

Avete ragione a non volere la TAV.Giù in Calabria hanno rovinato un´intera regione,le bellezze naturali distrutte.Uno scempio vero e proprioPotevano benissimo,migliorare l´autostrada e le strade,invece hanno distrutto tutto e chissà se arriverà ad una fine. Con il Ponte poi...tutto campato in aria,il ponte qui non serve e lo sanno,poichè ci sono continue scosse di terremoto. Non mollate
commento inviato il 25/01/2010 alle 2:39 da cetta  
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...