L'Agenzia Regionale Parchi del Lazio, in collaborazione con la Riserva Regionale Nazzano, Tevere-Farfa e l'Associazione Teriologica Italiana (ATIT), organizza nei giorni 18-19 febbraio 2010, presso la sede della Riserva Regionale Nazzano Tevere Farfa, un convegno dedicato ai piccoli mammiferi.

Lo scopo del convegno è quello di riunire quanti in Italia si occupano di ricerca, gestione e conservazione di piccoli mammiferi.

L'importante iniziativa sarà anche l'occasione per dare l'avvio al " Gruppo Nazionale di  Studio sui Piccoli Mammiferi ".

Il convegno, articolato in 5 sessioni
non contemporanee e tematiche, (sistematica, monitoraggio, ecologia e conservazione, impatto e gestione delle popolazioni, problematiche sanitarie) avrà inizio il 18 febbraio alle ore 9.30, presso la sede della Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere Farfa, riserva che si estende, nel Lazio, tra le provincie di Roma e Rieti.


MANIFESTO DEL GRUPPO NAZIONALE DI STUDIO SUI PICCOLI MAMMIFERI


I Roditori e gli Insettivori, spesso indicati con la definizione sintetica di “micromammiferi” o “piccoli mammiferi”, annoverano più della metà delle specie di Mammiferi a oggi conosciute.

Grazie a un'imponente radiazione adattativa hanno colonizzato le nicchie più disparate, dagli ecosistemi forestali alle zone aperte, dagli ambienti acquatici ai deserti, dal sottosuolo alle chiome degli alberi.

All’interno degli ecosistemi i piccoli mammiferi rivestono spesso funzioni ecologiche importanti, ad esempio come prede abituali di quasi tutti i predatori vertebrati.

A loro volta sono spesso anche importanti predatori, come sovente si verifica negli Insettivori o nei Roditori più onnivori.
Le attività di scavo di molte specie fossorie sono in grado di rimescolare gli strati superficiali del suolo, mentre la loro azione di consumatori primari di semi e spore fungine è fondamentale per il mantenimento degli ecosistemi forestali e la dispersione di piante e funghi.


D’altro canto, alcuni Roditori sono in grado di arrecare perdite economiche alle attività umane o presentano potenziali rischi sanitari per l’uomo e gli animali domestici. La lotta contro i danni ai raccolti è antica quanto la storia dell’agricoltura, ma attualmente, almeno nei paesi industrializzati, a essere particolarmente rilevante è il problema costituito dalla presenza di specie sinantropiche nei centri urbani e nelle industrie alimentari.

In altri casi, specie introdotte fuori dal loro areale originario presentano un impatto negativo sugli ecosistemi. Per far fronte a questi rischi si interviene spesso con l’ausilio di prodotti tossici, le cui conseguenze sull’ecosistema ed in particolare sulle popolazioni di predatori sono ancora poco conosciute.

Pur essendo queste specie una sparuta minoranza, è un dato di fatto che i piccoli mammiferi sono noti al grande pubblico quasi esclusivamente per le sgradite conseguenze associate alla loro presenza.

Sebbene Roditori e Insettivori costituiscano una percentuale elevata della ricchezza di Vertebrati del pianeta, e in Europa siano i gruppi con il maggior numero di endemismi, essi sono al tempo stesso considerati tra i taxa meno minacciati.

Se per alcune specie questo può rifletterne l’ampia diffusione e adattabilità, in altri casi è probabile che l’effettiva vulnerabilità sia sottostimata a causa di informazioni inadeguate.

Infatti, la biologia di base, la distribuzione e i trend delle popolazioni sono spesso solo parzialmente conosciuti.


La principale conseguenza della presunta minor vulnerabilità dei piccoli mammiferi è un generale deficit normativo di protezione che si osserva sia a livello europeo sia italiano, e la loro mancata inclusione, salvo poche eccezioni, nelle liste nazionali e internazionali di specie meritevoli di conservazione.

E’ un dato di fatto che alcune specie, come nel caso di Arvicola acquatica, Arvicola delle nevi, Topolino delle risaie o Talpa cieca, non godono di nessuna protezione a livello nazionale, benché la loro distribuzione ed ecologia siano a tutt’oggi poco conosciute.

Per cercare di invertire questa tendenza, si propone la costituzione di un Gruppo nazionale di studio sui piccoli Mammiferi, in grado di riunire quanti in Italia si occupano a vario titolo dello studio, della gestione e della conservazione di Insettivori e Roditori.

Le finalità del gruppo di studio potranno essere molte, tra queste: promuovere la ricerca sui piccoli Mammiferi, individuarne le minacce e le priorità di conservazione, approfondire le conoscenze in merito all’impatto e alle strategie di gestione delle specie problematiche, definire protocolli standardizzati di monitoraggio, attivare corsi e workshop di aggiornamento, sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso attività di educazione e formazione.

Per avviare la discussione per la formazione del gruppo di studio a livello nazionale si invitano tutti i ricercatori italiani che si occupano a vario titolo di Insettivori e Roditori al Convegno Italiano sui piccoli Mammiferi.

Gianni Amori, CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi
Sandro Bertolino, Università di Torino
Dario Capizzi, Agenzia Regionale Parchi del Lazio
Alessio Mortelliti, CNR Istituto per lo Studio degli Ecosistemi


- Uno Notizie Nazzano - Roma -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...