Tumori e inquinamento: inceneritori che non fanno male, eppure la percentuale di malati di cancro in prossimità degli impianti cresce enormemente
- Paolo Crosignani è primario epidemiologo all'Istituto Nazionale Tumori di Milano. Ovviamente le sue considerazioni sui temi ambientali hanno un valore assoluto, ma il silenzio si sa, fa miracoli.
Così del suo passaggio a Parma non se n'è accorto nessuno.
Ma le parole rimangono come macigni.

In Italia vengono sostenuti con incentivi gli impianti di incenerimento sostenendo che l'energia prodotta derivi da fonti rinnovabili.

Con questa manovra subdola sono state dirottate la maggior parte delle risorse destinate alle vere energie rinnovabili, finanziando generosamente gli inceneritori.


I contributi per le fonti rinnovabili così sono andati per il 75% agli inceneritori, che hanno fatto affari d'oro.

Emblematico è il caso dell'inceneritore di Brescia che nel 2006 ha incassato 71 milioni di euro diventati 78 nel 2007, sempre come contributi Cip6.

In totale dalla sua apertura l'impianto di Brescia ha accumulato la bellezza di 450 milioni di contributi Cip 6 a fronte di una spesa di impianto di 150.

Capito il giochino?


L'Italia è tuttora sotto infrazione della Comunità Europea che naturalmente ha disconosciuto questa pratica ma il dato di fatto è che in Italia si fa business anche bruciando acqua, l'importante è buttare dentro qualcosa nelle fauci dell'inceneritore.

Questa manovra che perdura in Italia da anni ha di fatto drogato il mercato dell'energia impedendo lo sviluppo di una alternativa efficace.


Ma tanto gli inceneritori di nuova generazione non fanno male!

Oggi si assiste a questa nuovo dogma di fede.

I tecnici affrontano le crescenti critiche dicendo che i nuovi impianti non sono come quelli vecchi (chissà allora come parlavano bene dei vecchi che erano nuovi...) e quindi inquinano pochissimo se non per niente.


Le malattie croniche causate dagli inceneritori purtroppo hanno bisogno di anni per concretizzarsi e rendere percepibile il danno, quando cioè è già tardi.


Eppure sappiamo cominciano ad arrivare tetri segnali.

Lo Enhance Health, progetto europeo che aveva lo scopo di monitorare lo stato di salute dei residenti dell'area dell'inceneritore di Coriano (Forlì), evidenzia come ci sia stato un effetto molto negativo sulla salute.

Le tabelle sono chiare: nel sesso femminile, coloro che tra la popolazione sono le più residenti, c'è un incremento dei tumori del 35%, un dato che dovrebbe far saltare sulle sedie chiunque, ma che ormai non stupisce più nessuno, ci stiamo abituando al peggio.


Lo studio è stato condotto anche da Arpa, dell'Istituto Superiore di Sanità, dal Cnr, dall'Ausl di Forlì e dallo stesso comune di Forlì.


Vogliamo vivere lo stesso futuro a Parma?


Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti

- Uno Notizie Italia, Emilia Romagna  - ultime notizie Parma -

Commenti

PER NON INCENERIRE ANCHE IL NOSTRO FUTURO CAMBIAMO ARIA PETIZIONE NAZIONALE PER LA RIDUZIONE E IL RICICLO TOTALE DEI RIFIUTI E LA MESSA AL BANDO DEGLI INCENERITORI http://www.cambiamoaria.org In collaborazione con Per il Bene Comune, lista civica nazionale.
commento inviato il 23/02/2010 alle 6:59 da pbc.gianluca  
a terni è la stessa cosa. c´è una scritta su un muro della città: ancora inceneritori e noi muoriamo di tumori il tasso di mortalità a causa dei tumori è uno dei più alti a terni, c´è anche un processo in corso per un operaio che lavorava all´inceneritore, morto, guarda causa, di cancro.
commento inviato il 23/02/2010 alle 2:04 da paola  
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...