Lago di Vico: grazie alle indagini volute dall’assessorato all’Ambiente scoperti gravi fenomeni di inquinamento. Il campionamento dei sedimenti, effettuato dai professionisti di palazzo Gentili e poi analizzato dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, ha rilevato la presenza di metalli pesanti (arsenico, cadmio, nichel) e molecole di idrocarburi. Nelle acque, trovate tracce di mercurio. I dati sono ottenuti dalle analisi dell’Arpa, su mandato della Provincia.


“I livelli di concentrazione dei metalli sono tali – spiega l’assessore all’Ambiente, Tolmino Piazzai – da destare preoccupazione. Ricevuti i risultati venerdì dall’Arpa, abbiamo subito investito la Regione Lazio cui compete intraprendere azioni urgenti. La Provincia continuerà l’attività di controllo e approfondirà le indagini per individuare l’origine di elementi che, a tali concentrazioni, non sono presenti in natura”.

Il lago di Vico è un osservato speciale della Provincia già dal 2005, quando l’assessorato ha avviato con l’università della Tuscia un progetto per la riorganizzazione dell’intera area al fine di mitigare gli impatti antropici (derivanti dall’attività dell’uomo) e recuperare la qualità delle acque.

“Con l’aggravarsi della situazione verificatasi negli ultimi due anni, dimostrata dalla presenza dell’alga tossica (Planktotrix Rubescens) – racconta Piazzai – abbiamo deciso di intensificare la nostra azione di monitoraggio, pur non essendo di competenza della Provincia, al fine di tutelare la salute dei cittadini e l’ecosistema del lago. Abbiamo quindi istituito un tavolo tecnico di cui fanno parte i Comuni di Caprarola e Ronciglione, l’Istituto superiore di Sanità, l’Università della Tuscia, l’Arpa Lazio e le principali associazioni ambientaliste locali”.

Nel 2009 sono state siglate tre convenzioni (rispettivamente con Istituto superiore di Sanità, Arpa Lazio e Università della Tuscia), pagate con fondi propri dell’ente pari a circa 100mila euro e già rinnovate per il 2010, che hanno consentito di individuare la presenza di inquinati nei sedimenti e di tossine nelle acque, grazie alla collaborazione con l’Ato (Ambito territoriale ottimale). Il lago di Vico è infatti la fonte idropotabile dei comuni di Caprarola e Ronciglione.

“Come Provincia – continua l’assessore Piazzai – siamo intervenuti anche per controllare e mettere in sicurezza gli scarichi presenti nel bacino. Le convenzioni siglate con gli altri enti ci hanno consentito di scoprire una situazione preoccupante, che necessità di un intervento urgente degli organi preposti, Regione in primo luogo. Dal canto nostro, continueremo e rafforzeremo l’azione di monitoraggio e controllo, investendo risorse per tutelare la cittadinanza e l’ambiente”.

“Vorrei sottolineare – conclude – che se non fosse stato per la caparbia volontà della Provincia che ha agito ben al di sopra delle proprie competenze, non avremmo avuto a disposizione dati sull’entità dell’inquinamento del lago di Vico. Dati che sono indispensabili per avviare un’attività di contrasto”.

Il 2 marzo alle 10 nella sala conferenze della Provincia, si terrà una riunione del tavolo tecnico in cui verranno presentati anche i risultati delle analisi condotte dagli enti di ricerca nell’arco del 2009.


- Uno Notizie Tuscia - ultime news Viterbo -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...