Greenpeace: contro il nucleare Blitz di Greenpeace nella centrale Enel a Montalto di Castro. Concerto live dalla Nave Rainbow Warrior
- Ieri,alle luci dell'alba, gli attivisti di Greenpeace sono entrati in azione alla centrale di Montalto di Castro!

Intanto nel Mar Tirreno, (che bagna la meravigliosa Maremma degli Etruschi  ) a largo della centrale, sulla nave Rainbow Warrior, si è svolta l' esibizione live degli "Artisti contro il nucleare": Adriano Bono & Torpedo Sound Machine, 99 Posse, Leo Pari, Piotta e Punkreas eseguono per la prima volta dal vivo il singolo "No al nucleare".

Partecipa anche tu all’evento online. Segui lo streaming in diretta sul sito: www.nuclearlifestyle.it

Il nucleare è una scelta sciagurata per l’Italia e una pericolosa perdita di tempo. Tornare al nucleare significa perdere oltre dieci anni per ritrovarsi poi con centrali obsolete e pericolose. E sprecare l’opportunità di investire nelle vere soluzioni per l’indipendenza energetica e per il clima: rinnovabili ed efficienza.

Tocca adesso ai candidati delle elezioni regionali 2010, in lista per la guida delle regioni, prendere subito una posizione chiara contro il nucleare, altrimenti dopo le elezioni regionali verranno imbavagliati e costretti ad accettare le decisioni del governo.

Intanto su Nuclear Lifestyle continua a girare il contatore delle firme contro il nucleare. Sono più di 64mila! Grande successo anche per la Nuclear Hotline: al numero verde gratuito 800.864.884 centinaia di cittadini hanno già chiamato per lasciare ai candidati i propri messaggi contro il nucleare.

- Uno Notizie Italia, Viterbo - ultime news Montalto di Castro -

Commenti

Il comunicato stampa con il messaggio di Marzia Marzoli, candidata presidente per la RETE DEI CITTADINI: La terza candidata alla presidenza del Lazio Marzia Marzoli, plaude all´azione di Greenpeace a Montalto di Castro volta a sensibilizzare sul problema che il nucleare gia attualmente rappresenta in Italia a causa dei rifiuti tossici presenti sul territorio. Ricorda inoltre che un altro grave problema per il territorio laziale, e soprattutto della provincia di Viterbo, è l´uso anacronistico del carbone per la produzione di energia elettrica. La RETE DEI CITTADINI nel suo programma consultabile sul sito: www.retedeicittadini.it, propone soluzioni fattibili e immediatamente applicabili per rispondere ai fabbisogni energetici della Regione, in grado anche di ridurre l´inquinamento prodotto dall´uso di fonti fossili per la produzione di energia.i punti di salienti di questo piano di interventi sono il risparmio energetico, l´efficienza e le energie rinnov
commento inviato il 10/03/2010 alle 3:15 da pbc.gianluca  
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...