Illustre Sindaco,

Migliaia di cittadini del comprensorio del lago di Vico e diversi enti, come il nostro, sono seriamente preoccupati per il futuro del lago, soprattutto dopo che la scienza ufficiale si è espressa in merito.
Dopo gli ultimissimi interventi scientifici di due università, una di Roma e l'altra di Viterbo, e dell'Istituto Superiore di Sanità, dell'ARPA Lazio, dell'Assessorato Ambiente della Provincia di Viterbo e di altri enti di ricerca minori, non ci sono più dubbi: la continua e inarrestabile colonizzazione  del lago di Vico da parte dell'alga rossa (Plankthotrix rubescens) è dovuta anche ai nutrienti chimici (fosfati, nitrati, prodotti azotati, ecc.) che provengono dai noccioleti della Valle di Vico. Si ricorda, a tal proposito, che le microcistine rilasciate dalle alghe rosse risultano pericolosissime per la salute umana. Sempre grazie alle indagini dirette e ai rigorosi studi di questi enti si è scientificamente  accertato che il lago sta rapidamente avviandosi verso un'inesorabile eutrofizzazione, infatti già a 20 metri di profondità non c'è più ossigeno. I motivi anche qui sono strettamente legati all'uso massiccio di prodotti chimici usati in agricoltura.

Accertato tutto ciò, Le chiediamo a nome di migliaia di cittadini che hanno a cuore il futuro del lago e delle sue acque, di adoperarsi subito per fermare l'uso di tutti i prodotti chimici, a volte abusati, nei noccioleti della valle di Vico e di promuovere, in alternativa, metodologie agricole compatibili con la salvaguardia dell'ambiente e della salute umana, vedi sistemi biologici e biodinamici. Metodologie quest'ultime più congeniali ad una zona diventata da molti anni riserva naturale regionale.
Non è civilmente e democraticamente concepibile che per il profitto economico, (che peraltro con l'agricoltura biologica aumenterebbe), di qualche decina di coltivatori della valle di Vico, si debba distruggere inesorabilmente un ambiente naturale di cui ne usufruiscono migliaia e migliaia di cittadini.

Non ci stiamo inventando nulla! Nella recente riunione pubblica alla Provincia di Viterbo, indetta dall'assessorato Ambiente della Provincia, il Prorettore dell'Università della Tuscia, prof. Giuseppe Nascetti, ha affermato pubblicamente che la morte del lago di Vico è attribuibile soprattutto all'uso disinvolto e irresponsabile di prodotti chimici sparsi nei noccioleti della valle di Vico. Lo stesso scienziato ha anche aggiunto che la sua università è a disposizione del Comune di Caprarola per insegnare agli agricoltori come non avvelenare i terreni e, anzi, migliorarne la produzione attraverso procedimenti sani sia per l'ambiente che per i cittadini.
A questo punto è solo una questione di sana e buona volontà!
In conclusione le ricordiamo che esistono leggi europee e nazionali, comprese anche quelle contenute nel Testo Unico di Sanità, che proibiscono in prossimità di bacini idrici, le cui acque vengono utilizzate per scopi potabili, lo spargimento nel terreno e l'irrorazione sulle piante di qualsiasi prodotto chimico, in particolare diserbanti e pesticidi.
A questo punto siamo certi che lei passerà alla storia come il sindaco illuminato di Caprarola che salvò il lago di Vico e non quello che invece ne decretò la fine.

Accademia Kronos Nazionale

- Uno Notizie Italia - ultime news Firenze -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...