Ultime notizie Islanda: eruzione vulcano e nube gigante - Geologicamente, l'Islanda è il paese più giovane della terra, ha "solo" 19 milioni di anni  ed è ancora in crescita. E come tutti i giovani è sempre irrequieto e dispensatore di grandi energie. L'Islanda si trova a cavallo tra la placca tettonica eurasiatica e la placca dell'America settentrionale. Le due placche si allontanano lungo la frattura denominata "Dorsale Medio Atlantica" che in Islanda è visibile anche a cielo aperto. La grande frattura atlantica è come una ferita i cui lembi di carne invece di avvicinarsi e rimarginarsi si allontanano permettendo così la fuoriuscita di magma dalle profondità del pianeta, ecco perché si registra una massiccia presenza di vulcani in questa isola: se ne contano circa 130.

Sono per lo più vulcani fissurali: la lava, cioè, non fuoriesce da un cratere, ma da spaccature della crosta terrestre.


L'eruzione di un vulcano islandese pertanto non dovrebbe preoccupare più di tanto soprattutto quello conosciuto con il nome vichingo di Eyjafjallajokull, anche se non dava più segni di vita da 187 anni. Non è il primo né l'ultimo che darà spettacolo della propria energia interna, ciò che invece preoccupa gli scienziati e la sequenza in crescendo di attività sismiche e vulcaniche a partire dal 2004. E questo fenomeno vulcanico per molti è la dimostrazione che qualcosa sta avvenendo all'interno della Terra. Qualcosa che potrebbe preoccuparci in un futuro non troppo lontano. E' come se Gaia, il nostro pianeta, si fosse svegliato da un lungo letargo ed ora volesse recuperare il tempo perduto dando scossoni violenti lungo le sue placche tettoniche e sbuffando fuoco e fumo anche attraverso vulcani da anni quiescenti. Siamo neppure a metà del 2010 è già si sono verificati terremoti disastrosi e grandi eruzioni vulcaniche come non si registravano da un secolo.

L'eruzione del vulcano Eyjafjallajokull pertanto preoccupa non per la sua naturale attività eruttiva, ma per la sua inaudita violenza tale da creare una nube alta oltre 10 Km in continua espansione e diretta su tutti i cieli del nord Europa. E' una nube gigantesca che trasporta ceneri vulcaniche, molto sottili per natura (diametro inferiore ai 2 mm), ed anche molto abrasive. Pericolosissime per i reattori degli aerei. Da qui il blocco precauzionale degli aeroporti. Ceneri pericolose anche per l'uomo perché possono causare danni all’apparato respiratorio e agli occhi, per questo motivo le popolazioni vicine sono state evacuate. Le previsioni dell’andamento della nube cinerea prevedono come possibili prossime tappe la Polonia e la Germania. Nei prossimi giorni potrebbe arrivare fino a noi, tra la Corsica e la Sardegna.

Il "no fly zone" potrebbe durare ancora per diverso tempo, fin quando i venti non caleranno significativamente d'intensità da ovest verso est. L'ultima volta che questo vulcano ha eruttato, 187 anni fa, la sua attività è durata per quasi due anni, allora però non esistevano gli aerei e quindi questo  problema non esisteva. Tuttavia quel fenomeno creò problemi climatici in gran parte dell'Europa del nord.  Le ceneri vulcaniche sono molto sottili è possono rimanere sospese nell'atmosfera anche per diversi anni, propagandosi per tutto il mondo grazie anche ai venti in quota. Ciò determina un filtro tra le radiazioni solari e il suolo terrestre. In passato le eruzioni maggiori hanno alterato significativamente il clima, in corrispondenza di grandi eruzioni si sono verificati anni senza estate, con rilevanti danni all'agricoltura. Si ricordi la grande crisi alimentare dell'Irlanda del 1800.
Pertanto gli scienziati guardano con preoccupazione questo fenomeno perché, se dovesse durare, potrebbe abbassare le temperature di tutto l'emisfero nord del pianeta e cancellare per un paio o più di anni le nostre estati. Speriamo di no e intanto incrociamo le dita!

Ennio La Malfa

- Uno Notizie dal mondo - ultime news Islanda -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...