NAPOLI: NICOLA COSENTINO E LA CAMORRA DEI CASALESI / chiuse le indagini. Italia dei Diritti: ''dimostrati rapporti tra camorra e vertici Pdl''. Ultime notizie Italia - Napoli: la procura distrettuale di Napoli ha chiuso le
indagini sui presunti collegamenti tra politica e Camorra che vedono coinvolto il deputato del PdL, Nicola Cosentino.
Secondo le accuse dei pm
Alessandro Milita e Giuseppe Narducci infatti, Nicola Cosentino avrebbe garantito rapporti fra imprenditoria mafiosa, pubbliche amministrazioni ed enti a partecipazione pubblica, e contribuito al riciclaggio e al reimpiego delle provviste finanziarie provenienti dal clan dei Casalesi. Inoltre gli vengono contestati manovre per influenzare le strategie politiche in materia di rifiuti.


Francesco Barbato, responsabile per le Mafie e la Criminalità Organizzata dell’Italia dei Diritti, interviene così sulla questione: “In Campania funziona sostanzialmente in questo modo, è il vertice del PdL e non solo Cosentino a ottenere consenso e a elargire favori in cambio di voti, assieme al terzo convitato che si somma alla politica e agli affari, la Camorra.
Non
pochi sono i nomi degli esponenti del centrodestra indagati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, penso ad esempio agli onorevoli Luigi Cesaro, Mario Landolfi, Paolo Russo, e al senatore Vincenzo Nespoli.


“Insomma – afferma l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro –, la  classe dirigente del PdL continua tutt’oggi, sia nelle cariche istituzionali sia in quelle di partito, a rappresentare questo indegno e inaccettabile rapporto con il crimine organizzato. Per 16 anni hanno strumentalizzato la questione dell’emergenza rifiuti nel territorio della Campania al solo scopo di spartirsi e divorarsi 2 miliardi di euro, denaro servito per alimentare le clientele politiche e gli affari con la camorra, piuttosto che per rendere pulita Napoli e la sua Regione”.


In un tale scenario Barbato ritiene di voler fare di più per denunciare il fallimento della politica attualmente al governo e per liberare i campani dalla malavita e dall’immondizia: “Quest’oggi domanderò al procuratore della Repubblica di Nola, Paolo Mancuso, un incontro per rappresentare la grave situazione che stanno vivendo gli abitanti di Boscoreale e Terzigno nella discarica Cava Sari, disagi che creano pericolo anche per la salute pubblica, come ben mi hanno evidenziato gli stessi comitati cittadini. Il nostro impegno è in continua difesa dell’ambiente, della legalità e dei diritti degli italiani”. 

Commenti

cosa fra´ Ora la Muxolini lascia o raddoppia visto che ha dichiarato Cosentino come un Galantuomo
commento inviato il 02/12/2010 alle 4:09 da fallo futuro  
add
add

Altre News Attualità

Venerdì tutti insieme a Viterbo Sotterranea grazie al Tg2, Sì Viaggiare

Venerdì 3 aprile tutti insieme a Viterbo Sotterranea grazie alle telecamere del Tg2,...

Crisi economica coronavirus, sos dal Borgo Ragazzi Don Bosco di Roma

CRISI SOCIALE, BORGO RAGAZZI DON BOSCO CONTINUA IL SERVIZIO per i PIù DEBOLI ma lancia...

Coronavirus, consigli di Jobsora: come impostare il lavoro a distanza

Per la maggior parte, il lavoro a distanza è adatto a programmatori, copywriter, web designer,...

EMERGENZA COVID-19, aiuto di ENGIE Italia: a 93 ospedali energia gratis

  ENGIE, che assicura energia pulita a case, aziende e città, leader nei servizi per...

Coronavirus: M5S Lazio, dirottiamo fondi di bilancio 2020 su emergenza

t Roma, 1 aprile, ultime news Regione Lazio – “Stiamo vivendo un momento di emergenza che...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

Martedì Grasso, ultimo giorno di Carnevale: eventi e golosità nella Viterbo Sotterranea

Martedì Grasso: cultura e golosità nella Viterbo Sotterranea con incredibili scherzi e...

Viterbo Sotterranea questa sera alle ore 19 a Studio Aperto su Italia Uno

Nella foto, durante le riprese, il fondatore di Viterbo Sotterranea  Sergio CesariniQuesta...