ENEL ED ENERGIA GEOTERMICA / nella Tuscia e in Italia esistono immense potenzialità
. Ultime notizie - Viterbo - Un trafiletto del Messaggero del 26/09/2009 riporta: l’Enel  ottiene incentivi per oltre 61 milioni di $ per gli impianti geotermici di Stilwater e Salt Wells nel Nevada. L’incentivo è stato ottenuto nell’ambito dell’American Recovery Program “finalizzato allo sviluppo delle fonti rinnovabili di energia pulita ed alla creazione di nuovi posti di lavoro”. La notizia fa molto riflettere non solo perché si tratta della multinazionale Enel, ma anche perché la stessa utilizza tecnologie nel campo geotermico  niente di meno che negli S.U. dove le prime  esperienze pratiche sono sorte  fin dagli anni trenta, se non andiamo errati,  nelle aree presso S. Francisco. Laggiù, a tutt’oggi,  si utilizza preminentemente energia geotermica. Ci si chiede  perché mai in Italia questo tipo di energia,  salvo  qualche eccezione, non riesca a trovare un adeguato sfruttamento?

Nei vari dibattiti televisivi, riferiti alle energie geotermiche, abbiamo constatato che c’è molta disinformazione, specie tra i big politici; questi non ne sanno nulla. C’è stato un interessantissimo documentario sull’Energia Geotermica su (Sky), molte volte riproposto fino a due anni fa, in cui lo  sfruttamento potenziale geotermico si presta ad oltre il 60% della crosta terrestre in  presenza di certe condizioni. Nell’Italia queste  sono presenti su gran parte del territorio. Nel viterbese  e  specialmente nelle adiacenze di Viterbo, dove sgorgano spontaneamente in superficie le acque calde (Bulicame e Zona aeroportuale),  sarebbero  le aree a vocazione naturale! In tale bacino sotterraneo a forma ovoidale di circa dodici Km. di diametro è sotto i nostri piedi l’energia pulita che non ha bisogno né di sole né  di vento!:..

La stessa Civitavecchia  in area Ficoncella presenta affini  opportunità geotermiche.  Perché, ci si chiede - al di là di ogni ragionevole considerazione  – non si effettuano in concreto progettazioni in questi siti  per lo sfruttamento geotermico?   Questa ricchezza in altri paesi del mondo è sfruttata ampiamente  e c’è la salvaguardia dell’ambiente. In Francia, nella valle del Reno, ricca di vini pregiati,  lo sfruttamento geotermico è intenso? E la Francia  -va ricordato – sull’energia nucleare  vanta molte centrali ed esporta elettricità. Tale comportamento lascia  molto riflettere. La Germania e l’Australia  sono all’avanguardia nella tecnologia geotermica specie  per le  perforazioni ad alte profondità. Nell’Islanda il 98% dell’energia è geotermica e vi sono moltissime coltivazioni in serra; nonostante abbiano lassù  un clima freddissimo esportano fragole negli S.U.. Certo l’Italia ha giacimenti di gas e petrolio in tutto il mondo. Siria Libia  Algeria Nigeria Congo  ed altri ancora  sono i paesi  dove l’Eni conta inestimabili riserve di idrocarburi e senza dubbio a bassissimo costo.

Forse è proprio tale circostanza che sospinge l’Eni e l’Enel  a dare assoluta priorità allo sfruttamento sfrenato di petrolio senza troppo curarsi  della CO2, e di altre sostanze, affini per nocività, che si riversano sull’ambiente con tutti gli sconvolgimenti climatici ed ecologici consequenziali. Sia l’Eni quanto l’Enel sono delle multinazionali e  l’obiettivo primario è di fare “Profitto”; spesso senza troppi scrupoli come e peggio di imprese private. Il rispetto della natura e della vita umana sovente, non sono solo  ignorati ma addirittura violati, come da  uno spaccato che ci propinò  “Report” qualche tempo fa. Il servizio era riferito al Congo e si metteva a nudo come l’Eni,  la Shall,  ed altre compagnie del settore, abbiano rovinato la vita a quelle  popolazioni. Le immagini mostravano dei fiumi e laghi  con larghe chiazze di petrolio in superficie  unitamente ad una moria  di pesci ed altri animali  galleggianti. Non da meno i gas di superficie dei pozzi petroliferi  venivano di giorno e di notte fatti bruciare in continuazione. E dalle ciminiere si disperdevano nell’aria  tutti i vapori venefici e tossici che  irritano la pelle e gli occhi e  procurano  gravi malattie alle persone.  Quelle immagini  davvero cruente, come fossero dal vivo,  hanno ferito profondamente  la sensibilità di quanti  le hanno  viste. Del petrolio esportato… dalle compagnie, ben poco o nulla rimane a quelle popolazioni mentre i loro corrotti governanti godono in parte di quella ricchezza. Ci lamentiamo poi – dicevano a chiusura del servizio  le parole della  magnifica Gabanelli  -  se i giovani prendono i barconi per fuggire dalle loro terre saccheggiate e martoriate dalle multinazionali per  venire in esilio volontario e sbarcare clandestinamente  sulle nostra Sicilia. Senza contare  che molti altri muoiono lungo il viaggio della disperazione!


Ma  guardiamo  ancora la nostra Tuscia  per fare almeno una volta tanto, pressione sull’Enel ed   agire in concreto sul nostro territorio per attuare programmi verso questa energia dei miracoli! Eppure negli anni ‘70 la stessa Enel, si dice, che fece nelle adiacenze del lago di Vico delle perforazioni per la ricerca di metano. Nulla sappiamo degli esiti di quegli scandagli  ma di sicuro la tecnologia  attuale consente di raggiungere profondità sicuramente più significative  e più feconde. Nel panorama delle energie, le compagnie pianificano le proprie strategie  basate anche sulle indicazioni dei governi del proprio paese.

Ma ripensando alla commessa nel Nevada concessa all’Enel e conoscendo l’esperienza notevole delle imprese americane in fatto di Geotermia si deve necessariamente ritenere che l’Enel è fortemente competitiva per le sue “tecnologie avanzate”. Ed allora - sorge spontanea una domanda-
come mai l’Enel  non si prodiga in casa propria dove esistono condizioni favorevoli alla Geotermia e  non opera come fa laggiù in America?  Senza dubbio persegue strategie di “Mercato” che a noi persone  ordinarie non è dato sapere. Ma  pensiamo che siano sopraggiunti i tempi  per noi cittadini e contribuenti per una maggiore partecipazione alle scelte che riguardano i nostri destini e  delle generazioni  future. I tempi di una “Democrazia Integrale” sono maturi. La  democrazia partitica appare  non più adeguata per la società del 3° millennio: lo scenario intorno al bacino del Mediterraneo parla da solo; si lotta per le libertà e per il petrolio. Nella geotermia ci troveremmo molto dell’uno  e molto dell’altra se la potessimo sfruttare!   

Vorremmo tanto che i parlamentari radicati nel viterbese indirizzassero la loro attenzione su queste tematiche agli “Organismi Competenti” in fatto di energie. Sarebbe una opera meritoria; c’è di mezzo l’Ambiente, la Salute  e l’economia dell’intera Tuscia;  “Termalismo e Geotermia”  sono compatibili.  Lo spettro del “Nucleare” sta mostrando una volta ancora l’inaffidabilità, ha smentito con i fatti l’improvvido  “luminare”  uscito  incautamente  dal suo campo scientifico nell’affermare la estrema “Sicurezza” di quel tipo di energia proprio qualche giorno prima dell’infausto evento giapponese che ha scosso l’intera umanità fin dalle fondamenta. Vale sempre quel detto biblico ancor più in tale frangente: “Maledetto l’uomo che si affida all’uomo”! Dei tromboni del “Potere”è buona cosa semplicemente diffidare specie sul Nucleare. Fa paura, è terrificante. Non ci sono pause di riflessione che tengano. Esistono la “Solare” e la “Geotermica” sono sicure e naturali. Su You-tube – qualcuno ci ha detto -  è visibile il “Progetto Venus” che  di queste ne magnifica i pregi. E se si vuole salvare il pianeta  Terra  e l’Umanità la strada percorribile è quella delle energie pulite.


Il Comitato “ SALUTE, AMBIENTE E  LEGALITA’ “

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...