Grandissima partecipazione, oltre 250.000, lavoratrici e lavoratori delle Autonomie Locali alle assemblee unitarie svoltesi oggi nelle 109 provincie italiane per riaffermare un sistema pubblico di welfare locale e la dignità del lavoro oggetto di furore ideologico da parte del Governo e del Ministro Brunetta.
E’ nostra convinzione che l’attacco al lavoro pubblico nasconda la volontà di privatizzare  i servizi pubblici ed affidarli in gestione a soggetti che solo a parole decantano il mercato ma in realtà ricercano monopoli.
Le assemblee hanno coinvolto anche le istituzioni locali le quali in moltissimi casi hanno espresso solidarietà alla mobilitazione con messaggi inviati all’ANCI, all’UPI ed alla Conferenza delle Regioni.
Qualche esempio:
MILANO – Oltre 5000 lavoratrici e lavoratori in assemblea con presidio davanti al comune i quali con determinazione hanno portato le loro ragioni, con una delegazione, alla sindaca.
TORINO – Oltre 3000 lavoratrici e lavoratori in assemblea con presidio davanti al comune, hanno confermato l’altissimo livello di partecipazione alle iniziative.
BOLOGNA – Oltre 5000 lavoratrici e lavoratori in assemblea che si è trasformato in corteo coloratissimo alla base del quale è emersa una grande volontà di arrivare fino allo sciopero generale del lavoro pubblico.
FIRENZE – Oltre 500 lavoratrici e lavoratori hanno partecipato con passione al sit in nella piazza antistante il comune
ROMA – Oltre 2000 lavoratrici e lavoratori hanno dato vita ad un assemblea pubblica nella piazza del campidoglio.
BARI – Circa 2000 lavoratrici e lavoratori. All’assemblea hanno partecipato anche tutti i livelli e gli organismi istituzionali locali portando condivisione degli obiettivi, solidarietà e vicinanza alla mobilitazione.
REGGIO CALABRIA – Assemblea  affollatissima, difficilmente in precedenza è stata registrata una tale partecipazione, con sit in piazza
PALERMO – Oltre 800 lavoratrici e lavoratori in assemblea i quali hanno bloccato tutti i servizi tranne ovviamente la garanzia dei minimi essenziali
CAGLIARI – Oltre 500 Lavoratrici e lavoratori in piazza per partecipare all’assemblea sit in sotto la prefettura.
Anche nelle province più piccole si è registrata un altissima partecipazione, Arezzo, Pistoia, Salerno, Taranto, Brindisi, Treviso, Brescia, Rovigo, Massa Carrara, Catanzaro, Terni ecc..
Le lavoratrici ed i lavoratori degli enti locali nel sostenere le assemblee degli altri comparti pubblici si sono dati appuntamento il 17 ottobre per l’assemblea nazionale che dovrà, all’interno di un percorso, proseguire con ulteriori forme di mobilitazione.
La FP CGIL ringrazia le lavoratrici, i lavoratori, le RSU e le strutture territoriali e regionali di CGIL CISL e UIL di categoria che hanno, ancora una volta, dimostrato vitalità a dispetto di coloro i quali teorizzano l’annientamento dei corpi intermedi della società, e rendono esplicito l’impegno che con uno slogan si può riassumere in: PER SE E PER GLI ALTRI.

ANTONIO CRISPI
Segretario Nazionale FP CGIL


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...