Corteo "indignati" a Roma, capitale devastata da un gruppo di infiltrati lasciati passare senza nessun controllo -
La manifestazione di ieri, che avrebbe dovuto essere pacifica, si è trasformata in una vera e propria guerriglia urbana. Oltre un centinaio di feriti sono stati ricoverati negli ospedali Romani, uno in gravi condizioni. Vetrine rotte, auto e cassonetti bruciati, questa mattina Roma si è risvegliata frastornata e i turisti sfilano in piazza San Giovanni, la zona più danneggiata dal gruppo di infiltrati, per fotografare lo scempio.
Gli incidenti hanno preso il via poco dopo l'inizio del corteo, partito da piazza Esedra, lungo la via Cavour, e assumendo tratti sempre più violenti fino all'apice in piazza San Giovanni.

Intanto sono scoppiate le polemiche e ci si chiede come Roma non si sia preparata a una "dichiarazione di guerra" già ampiamente preannunciata su Internet. E' evidente che qualcosa non funziona se poche centinaia di estremisti delinquenti possono infiltrasi in un corteo pacifico, prendere in ostaggio un'intera città come Roma e creare danni inestimabili, perché non si tratta solo di danni materiali, ma anche e soprattutto di immagine di uno Stato che si dimostra sempre più debole e inefficace. O qualcuno ha voluto che si infiltrassero delinquenti nel corteo? Chi ha evitato di fermare gli infiltrati? Chi aveva paura di una pacifica manifestazione a Roma?




Commenti

la battaglia si è propagata da gente che ha agito indisturbata... seminando il panico senza che nessuno li fermasse con ovvia logica... strano che si accettino senza che le forze dell´oridno intervegano atti selvaggi contro oggeetti (vetrine), strano che si mandino (dopo, è successo poi) una ventina di finazieri a piedi in mezzo a un gruppo di scalmanati, arroventati già, SENZA maschere antigas, e SENZA avere prima usato come sfolla-gente i lacrimogeni... c´era una fila impressionante di automezzi delle forze dell´ordine, agenti con le maschere... e che fanno manadano una ventina di finanzieri a piedi di fronte alla frange inferocita, riscldata, arroventata, da black bloc che la folla aveva emarginato... hanno bloccato ogni via laterale che collegav ala corteo, ma nessun intervento per cacciare quelli che distruggevano indisturbati nella folla, gente altra, che poi si è dileguata. Quale era il loro vero compito chi li aveva chiamati per distruggere indi
commento inviato il 16/10/2011 alle 3:42 da strano  
add
add

Altre News Attualità

LA MAFIA CHE AVANZA / ad Ostia, Tarquinia, Montalto di Castro e Viterbo crescono riciclaggio e infiltrazioni mafiose

Ultime news - Unonotizie.it - Le infiltrazioni mafiose nel Lazio sono un fenomeno in continua...

DOBBIAMO MOLLARE ? / rileggiamo l'ultimo articolo scritto dall'encomiabile Luigi Daga sul periodico Tarquinia Città

A seguire l'articolo scritto 10 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

''LA MAFIA A VITERBO, UNA CITTA' SOTTO ASSEDIO'' / libro, da rileggere, di Daniele Camilli

Libri: La Mafia a Viterbo, una città sotto assedio. Ultime notizie Viterbo - UnoNotizie.it -...

San Faustino, il 15 febbraio festa dei single a Viterbo Sotterranea

San Faustino è la festa di tutti i single, in contrapposizione con San Valentino, la...

TARQUINIA, SAN GIORGIO SOS / la storia distrutta nel silenzio di sindaco e Soprintendenza

Quello che potrebbe essere l’insediamento dell’antica Rapinium, sorta nei pressi della...

CARDINAL RAGONESI, VITERBO / scambio di auguri nella bellissima cappella della nota scuola di Viterbo

Scambio di auguri al Liceo Scientifico Paritario Cardinal Ragonesi di Viterbo e celebrazione della...

TARQUINIA, SCOMPARE CENTRO ETRUSCO A SAN GIORGIO / perchè Sovrintendenza e Carabinieri non intervengono?

A San Giorgio si muovono i mezzi da scavo per le opere di urbanizzazione della lottizzazione...

MAFIA SULL'ALTO LAZIO / su Viterbo e costa Tirrenica crescenti tentacoli di mafia, camorra e ‘ndrangheta

Si è riunito a Civitavecchia il Comitato Direttivo regionale dell’Associazione per la lotta...