A Durban salviamo il clima: Greenpeace in azione davanti Palazzo Chigi, ultime notizie Roma - Mentre il ministro dell'Ambiente Corrado Clini si trova a Durban, in Sud Africa, per rappresentare l'Italia alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima, ieri mattina all'alba attivisti di Greenpeace sono entrati in azione a Roma, davanti a Palazzo Chigi. Gli attivisti dell'associazione ambientalista hanno aperto in Piazza Colonna un grande striscione con una foto della tragica alluvione di Genova dello scorso 4 novembre e il messaggio: "Il clima cambia. La politica deve cambiare". Altri attivisti hanno scalato due lampioni davanti al palazzo sede del Governo con il messaggio: "A Durban salviamo il clima".

In contemporanea con la protesta di Greenpeace, due attori hanno messo in scena la rappresentazione della politica che si rifiuta di cambiare: vestiti e truccati come se fossero in un film in bianco e nero, hanno risposto alle domande dei giornalisti come se il problema del caos climatico non li riguardasse.

"Quest'autunno la nostra penisola è stata martoriata, da Nord a Sud, da una serie di tragiche alluvioni che hanno causato la morte di decine di persone e miliardi di euro di danni. Questi sono chiari segnali che i cambiamenti climatici stanno avendo un effetto sempre più grave alle nostre latitudini e sul nostro Paese. Questi sono i segnali che la politica deve ascoltare." dichiara Salvatore Barbera, responsabile della campagna Clima e Energia di Greenpeace Italia.

L'iniziativa di stamattina rilancia infatti quella promossa la settimana scorsa da Greenpeace sul proprio sito (www.greenpeace.org/durban), dal quale è possibile inviare al Ministro Clini una  "cartolina dal caos climatico". Dimostrando come gli italiani siano preoccupati per i cambiamenti climatici, più di 15 mila persone hanno già mandato la cartolina al Ministro con la richiesta di assumere a Durban una posizione forte e ambiziosa per la salvaguardia del clima e per il rinnovo del protocollo di Kyoto.

Numerosi studi scientifici, tra cui  l'ultimo rapporto dell'IPCC [1], mostrano senza ombra di dubbio che i fenomeni atmosferici estremi saranno sempre più frequenti e distruttivi a causa dell'aumento delle temperature medie. In Italia i cambiamenti climatici stanno avendo impatti sempre più gravi: oltre all'aumento delle alluvioni, determinano la desertificazione di ampie aree del meridione e il ritirarsi dei ghiacciai di montagna, lo slittamento dei cicli agricoli e temperature estremamente alte d'estate o basse d'inverno.

Se il clima è chiaramente cambiato, lo stesso non si può dire della politica, soprattutto di quella nazionale. Lo scorso governo ha guidato l'Italia verso posizioni, a livello internazionale, sempre più di retroguardia  nella lotta alle emissioni dei gas serra. Il Senato, in questa legislatura, ha addirittura approvato un atto che nega l'esistenza dei cambiamenti climatici e prende le distanze dalle politiche comunitarie a difesa del clima. [2]

"Esortiamo il ministro Clini e il nuovo governo a cambiare la politica climatica del Paese. Un primo banco di prova, oltre a quanto il ministro saprà fare a Durban, sarà la difesa degli incentivi alle rinnovabili. Il sostegno pubblico per questo settore è un investimento del Paese per il futuro occupazionale e ambientale. Le lobby delle energie fossili sono da tempo attivamente impegnate a frenare la crescita delle energie pulite: per questo il governo deve approvare con celerità,trasparenza e razionalità i nuovi decreti attuativi, per garantire stabilità e sviluppo al settore delle fonti rinnovabili" conclude Barbera.

Greenpeace è presente a Durban con un team di esperti in negoziati che seguirà l'evolversi della discussione e porterà le richieste dell'organizzazione [3] ai governanti riuniti in Sud Africa.


Note:
[1] Il rapporto dell'IPCC "Managing the Risks of Extreme Events and Disasters to Advance Climate Change Adaptation (SREX)" è scaricabile all'inidirizzo http://ipcc-wg2.gov/SREX/
[2] Atto n. 1-00107, pubblicato il 18 marzo 2009, Seduta n. 174 http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=16&id=404347
[3] Le richieste di Greenpeace ai governanti a Durban:

  • Garantire che il 2015 sarà l'anno di picco delle emissioni di gas serra, che di lì in avanti dovranno decrescere rapidamente;

  • Di allineare gli orientamenti della politica, in materia di riduzione delle emissioni, a quelli della scienza;

  • Garantire la sopravvivenza del protocollo di Kyoto e approntare un mandato per un nuovo accordo vincolante per la salvaguardia del clima;

  • Garantire I fondi necessari per la lotta ai cambiamenti climatici;

  • Sviluppare una quadro d'interventi condiviso per la protezione delle foreste nei paesi in via di sviluppo;

  • Rispondere alle esigenze dei Paesi e delle comunità più vulnerabili;

  • Garantire cooperazione internazionale su tecnologia e finanza energetica;

  • Garantire la trasparenza internazionale nel valutare e monitorare gli impegni e l'operato dei vari Paesi;

  • Garantire trasparenza e piena partecipazione democratica nei lavori dell' UNFCCC.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani: continuano speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...