LAZIO ultime notizie ROMA – www.unonotizie.it – Il rapporto rifiuti-urbani edizione 2012, emanato dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), non lascia dubbi sulla produzione di rifiuti nel nostro paese. Aumenta la produzione di rifiuti e l’uso di discariche, in particolare nel 2010 la produzione di rifiuti ha raggiunto i 32,5 milioni di tonnellate, pari all’1,1% in più in un anno: un dato in controtendenza rispetto alla leggera contrazione registrata negli anni passati e rispetto all’andamento dell’Europa.

Aumenta la raccolta differenziata, ma il ricorso alla discarica risulta ancora molto corposo: i rifiuti urbani destinati in discarica nel 2010 ammontano a 15 milioni di tonnellate.

Rispetto agli altri Paesi europei, l’Italia si pone in controtendenza e vede aumentare il numero di chilogrammi di rifiuti prodotti. Le regioni del Centro sono quelle che segnano l’aumento più significativo, seguite da quelle settentrionali e meridionali (+0,4%). Ogni abitante delle regioni centrali della Penisola ha prodotto nel 2010 ben 9 kg di rifiuti in più rispetto all’anno precedente; sono stati 3, invece, i chilogrammi in più di ogni italiano del Nord, contro i 2 kg del Sud. La media nazionale è di 4 kg di rifiuti urbani pro capite in più.

Prima per produzione pro-capite è l’Emilia Romagna; segue la Toscana, la Val D’Aosta, la Liguria e il Lazio. Producono sempre meno i molisani. La Campania, da tempo tra le regioni italiane più in difficoltà, produce sempre di più.

Per quanto riguarda la raccolta differenziata la percentuale varia dalle punte più elevate del Veneto a uno scarsissimo 16,5% nel Lazio.

Il rapporto dell’Ispra rivela che ancora troppo spesso ci si rivolge alla discarica: i rifiuti urbani destinati in discarica nel 2010 ammontano a 15 milioni di tonnellate.

“L’aumento della produzione di rifiuti e la discarica come principale opzione di gestione sono due emergenze che l’Italia deve affrontare subito. Per risolverle serve il coraggio della politica, sia a livello nazionale che a livello locale”.

È quanto ha affermato il vice presidente di Legambiente Stefano Ciafani nel commentare i dati del rapporto dell’Ispra. Secondo Ciafani i Comuni italiani, a partire dalle grandi città, devono massimizzare il riciclaggio e quindi adottare i sistemi di raccolta domiciliare, anche della frazione organica domestica.

Il vice presidente di Legambiente ha poi sottolineato che la politica nazionale, da parte sua, deve essere più coraggiosa quando vengono approvate o modificate le norme sui rifiuti.

Legambiente ha ricordato che il ministero dell’Ambiente deve presentare il suo Programma nazionale di prevenzione entro la fine dell’anno, come previsto dalla direttiva europea. “Il ministero – afferma Ciafani – dal mondo della produzione e della distribuzione, alle associazioni di cittadini, per fare in modo che quel programma sia una vera road map affinché l’Italia riduca la produzione di rifiuti, com’è riuscita a fare la Germania, utilizzando anche la leva economica”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani svela speculazioni urbanistiche

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...