Sequestrati dalla Capitaneria di Porto di Civitavecchia circa seimila capi d’abbigliamento non a norma con il marchio Ce. L’operazione, alla quale hanno partecipato anche la polizia locale di Montalto di Castro e la Prociv, si è svolta sulla spiaggia di Marina di Montalto, nei pressi di Montalto di Castro.

La merce era in possesso di tre cittadini stranieri, due dei quali, alla vista degli agenti, si sono dati alla fuga, abbandonando sull’arenile tutta la mercanzia. Il terzo, invece, è stato bloccato, identificato, e denunciato. Si tratta di un cittadino marocchino con regolare permesso di soggiorno in Italia.

Il marocchino aveva con sé oltre 2mila capi di abbigliamento di vario tipo: t-shirt, pantaloncini, costumi da bagno, pareo, prendisole, asciugamani da spiaggia, borse, occhiali, cappellini. Li teneva in due grossi e pesanti involucri che trasportava sulle spalle. Altrettanto consistenti i carichi abbandonati dagli altri due ''vu cumprà'' che sono riusciti a dileguarsi e che sono tuttora ricercati.

Il conteggio finale della merce sequestrata ha dato risultati sorprendenti: circa 6mila pezzi. Un quantitativo insolito, per dimensioni, rispetto a quelli sequestrati in precedenza. Tanto che gli investigatori hanno ipotizzato che i tre possano appartenere a un’organizzazione strutturata, in grado di gestire un considerevole giro d’affari.

Ora la Capitaneria di Porto è in attesa che la magistratura disponga la confisca della merce sequestrata per la successiva distruzione.

Le indagini proseguono per risalire sia ai fornitori dei tre “vu cumprà”, che probabilmente alimentano una fetta del marcato sul litorale laziale, sia per individuare dove e da chi la merce è stata prodotta. Quasi un’impresa impossibile, quest’ultima, in quanto tutti gli elementi portano a ritenere che sia arrivata dall’estero, in particolare dalla Cina.

I controlli della Capitaneria di porto, in collaborazione con le varie polizie locali, sono stati intensificati nel periodo estivo e continueranno senza sosta fino alla fine della stagione sul tutto il litorale nord, dove la presenza di venditori ambulanti, anche clandestini, è particolarmente massiccia.

Il marchio Ce è un logo che attesta la conformità di un prodotto ai requisiti di sicurezza previsti dalle direttive comunitarie. Non si tratta né di un marchio di qualità né di un marchio di origine. La sua presenza su un prodotto attesta che è stato costruito nel rispetto delle direttive comunitarie. Deve essere apposto obbligatoriamente sui prodotti per avere diritto alla libera circolazione in tutto il territorio comunitario.


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...

Terremoto Roma: scossa di terremoto oggi 11 maggio 2020

Roma, ultime notizie sulla scossa di terremoto di oggi avvertita a Roma alle 5,03. In...

Stefania Mammì (M5S): Giornata nazionale in memoria di professionisti e operatori sanitari e sociosanitari vittime coronavirus

Depositata la proposta di legge che intende istituire la Giornata nazionale in memoria dei...

''LA MAFIA A VITERBO, UNA CITTA' SOTTO ASSEDIO'' /libro da rileggere, autore Daniele Camilli

Libri: La Mafia a Viterbo, una città sotto assedio. Ultime notizie Viterbo - UnoNotizie.it -...