TMB e discarica incompatibili con l'inquinamento della falda! Ultime notizie ambiente Lazio -
Il 28 gennaio si tiene, presso il Comune di Guidonia Montecelio, la Conferenza dei Servizi indetta per trovare una soluzione al pesante inquinamento della falda sottostante la discarica dell'Inviolata. Dai dati definitivi del Piano di caratterizzazione, con i monitoraggi puntuali effettuati dall'ARPA Lazio, si presenta una situazione di persistente contaminazione della falda acquifera da parte di sostanze organiche ed inorganiche (Manganese, Ferro, Nichel, Piombo, Arsenico, Diclorobenzene, Dicloropropano ecc.), e con la presenza anche del pericolosissimo Tallio, rinvenuto nei suoli.

Dalla riunione del 28, i Comitati e le Associazioni dei cittadini che vivono nell'area dell'Inviolata si attendono un'assunzione di responsabilità ed una chiara presa di posizione dei soggetti istituzionali presenti, mirate alla chiusura definitiva dell'impianto che, come appare in modo incontrovertibile, è all'origine del disastro ambientale.

In merito alla contaminazione delle acque sottostanti la discarica dell’Inviolata è appropriato prendere in considerazione un recentissimo studio del Politecnico di Torino sulla discarica di Malagrotta. In estrema sintesi, lo studio fatto per Malagrotta evidenzia che i parametri contaminanti, come per esempio Ferro e Manganese sono ragionevolmente attribuibili a percolato.

All’Inviolata purtroppo la questione non è difforme: In un documento formulato dall’autorità competente, ARPA Lazio, i valori di questi due metalli (Ferro e Manganese) riscontrati nei piezometri nel giugno 2009 erano a dir poco allarmanti rispetto ai limiti di legge di fondo naturale: 12.200 u/l a fronte di 60.5 massimo 200 u/l per il Ferro e di 13.760 u/l (piezometro 2A area TMB) a fronte di 50 u/l massimo 96 u/l. per il Manganese. Inoltre i superamenti di detti parametri venivano riscontrati già dal 2003.

Oggi, è il caso di rilevare che la situazione è rimasta pressoché invariata, ma non solo: l’area su cui sta sorgendo l’impianto TMB del CO.LA.RI. si trova all’interno della zona sottoposta a caratterizzazione e dentro la quale sono state riscontrate sostanze ben oltre i termini di legge e che, quindi, la messa in esercizio di tale impianto non può prescindere dalla caratterizzazione stessa. Alla luce di tutto ciò, ci si chiede allora come mai né il sindaco guidoniano né tanto meno la Regione Lazio capitanata da Zingaretti abbiano interposto motivi ostativi, a tutela della salute e dell’ambiente (da loro tanto spesso richiamata), alla richiesta di inizio lavori del TMB avvenuta il 5 luglio scorso. Eppure l’ARPA Lazio era stata chiara nell’ambito  dell’approvazione del Piano di caratterizzazione.

Non è altresì accettabile né tanto meno legittimo, infatti, costruire un impianto TMB su un’area ormai compromessa e per di più contornata da un Parco regionale archeologico e naturale, dove insistono beni culturali e paesaggistici violati per la mancanza del necessario parere ministeriale vincolante ed obbligatorio.

Senza considerare, infine, che è in fase di istruttoria presso l’area VIA Regionale il progetto per la realizzazione di un nuovo mega invaso di discarica da 500.000 m3. da respingere con determinazione, cosi come per l'impianto TMB, che non può essere messo in funzione come richiesto dal sindaco di Guidonia Montecelio e dalla Regione Lazio e va smantellato, in base ad un semplice principio di precauzione e perché la sua autorizzazione non ha seguito tutti i crismi di legittimità.

I cittadini sono chiamati a sostenere, il 28 gennaio mattina, a Guidonia, queste limpide ed evidenti tesi portate avanti ormai da anni dalle Associazioni locali.

LOTTIAMO TUTTI INSIEME PER:
Chiusura della Discarica all’Inviolata
Bonifica totale dell’Area di Discarica
No all’Impianto TMB
Fruibilità per i cittadini del Parco archeologico e
naturalistico dell’Inviolata

Ass. Comitato Popolare Nord Est Lazio, segreteriacomitato13@gmail.com
CRA - Comitato Risanamento Ambientale di Guidonia, cra@aniene.net


Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...