Contattaci Associazioni
iscriviti alla newsletter iscriviti alla newsletter diventa fan di unonotizie su facebook diventa fan
cerca   
home | ATTUALITA' | cultura | salute | ambiente | agroalimentare | turismo | sociale | spettacolo | scienza-tech | sport | mistero | eventi
ULTIME NOTIZIENORD ITALIA |CENTRO ITALIA |SUD ITALIA |LAZIO |TUSCIA
ROMA / 20-12-2017

NATALE SUPER PER IL FOOD / ecco quanto spenderanno gli italiani per la Vigilia e il pranzo di Natale


Ultime news - UnoNotizie.it - Indagine Confesercenti-Swg: a trainare è il Sud: 120 euro a famiglia, il 9% in più del Nord. In aumento anche chi festeggia al ristorante, chi cucina a casa cerca qualità e tradizioni locali nei negozi specializzati. Piacciono i prodotti Bio e a Km 0, si affermano le portate vegane.


A casa o fuori, ma se possibile a tavola. La tradizione del Natale è sempre più enogastronomica, e gli italiani – nonostante le incertezze – aumentano il budget per la cena della Vigilia e per il pranzo del 25 dicembre: quest’anno, per bandire la tavola, spenderanno complessivamente 2,8 miliardi di euro, il 3,7% in più del 2016, per una media di 110 euro a famiglia, il dato più alto dal 2007. E a trainare, per una volta, è il Sud: qui la media è di 120 euro, circa il 9% in più delle regioni del Nord (112 euro). La spesa più bassa (98 euro) si registra invece nel Centro Italia. È quanto emerge dalla consueta indagine Confesercenti sui consumi natalizi, svolta in collaborazione con SWG su un panel di 3000 consumatori.

L’aspetto enogastronomico si delinea come la tradizione natalizia più rispettata e forse anche più gradita dagli italiani, che sia a casa, in vacanza o in un locale. Anche il vecchio adagio “Natale con i tuoi”, infatti, quest’anno sembra essere un po’ meno vero: a festeggiare tra le mura domestiche con amici e parenti quest’anno sarà il 78%, mentre nel 2013 era il 90%. Una riduzione dovuta ad un cambiamento di abitudini, ma anche alla ripresa. A crescere, rispetto a cinque anni fa, sono soprattutto gli italiani che celebrano al ristorante, che passano dal 2 al 7%, e quelli che passano le feste in vacanza, che dal 3% del 2013 salgono all’11% di questo Natale. Di questi, due su tre trascorreranno la vigilia ed il pranzo in una meta italiana, mentre gli altri taglieranno il panettone all’estero, principalmente in Europa.

Chi rimane a casa ed opta per un pranzo cucinato in famiglia, invece, cerca soprattutto la qualità e le specialità enogastronomiche locali nei negozi alimentari specializzati. Due italiani su tre (il 66%) si orienteranno, nella scelta del menu di Natale, verso la tradizione: pesce e crostacei per la Vigilia, carni e primi della tradizione per il pranzo del 25 dicembre, con brodi, fritti e dolci tipici – panettoni e pandori su tutti, meglio ancora se artigianali – come dettano le consuetudini della festa, anche e soprattutto nella dimensione locale. Ma si affermano anche i piatti vegani, che compariranno sul 13% delle tavole, e quelli bio o a km zero, scelti dal 7%. Per questi ultimi, oltre la metà degli intervistati si dice disposto a spendere anche molto o abbastanza di più, soprattutto al Nord, dove la percentuale di ‘convinti’ arriva a toccare il 56%.


torna a Ultime notizie attualità Torna a: Ultime notizie attualità invia ad un amico Invia ad un amico stampa Stampa
commentiCommenti
  nessun commento...





autorizzazione n°7/08 Registro Stampa Tribunale di Viterbo
Iscrizione Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) al numero 18164
direttore responsabile Sergio Cesarini
P.Iva 01927070563
© Copyright 2018 Euriade s.r.l.
archivio notizie | video archivio | siti utili | sitemap | Livescore | Poggio Conte | UnoNotizie.com