CIVITAVECCHIA-ROMA (UNONOTIZIE.IT) L'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) prevista dal D. L.vo 59/05 si basa sul principio del miglioramento periodico degli impianti per ridurre l'inquinamento delle centrali termoelettriche. La norma prevede il rinnovo dell'AIA ogni 5 anni. Se la centrale è registrata EMAS ((Environmental Management and Audit Scheme, procedura di controllo ambientale che coinvolge molto le popolazioni locali!)) il rinnovo avviene ogni 7 anni. La centrale di TVN non ha una registrazione EMAS specifica come centrale a carbone e la sua AIA è scaduta il 24 dicembre scorso. Ma l' Enel è l' Enel e, complici il Governo, i Sindaci, la Regione Lazio e la Provincia di Roma, tenta di far passare come registrazione Emas del nuovo impianto quella rinnovata nel 2006 per la centrale ad olio pesante dismessa. Dal 24 dicembre scorso la centrale di TVN non può bruciare più niente. Ancora una volta i sindaci e i consiglieri comunali tacciono, resi silenti dalle compensazioni, dagli ordini di partito e da una certa mancanza di coraggio. Non disdegnano però di prendere provvedimenti pro-Enel e contrari a chi ad Enel si oppone. Sindaci e consiglieri sono muti anche a proposito di osservazioni al riesame dell'AIA. L'ente elettrico chiede un limite di 100 mg/Nm3 per l'acido cloridrico (HCl) ma il limite fissato dal competente organismo europeo è 5. Se verrà autorizzato il limite 100 Enel potrà riversare oltre 6 quintali di pericoloso acido cloridrico, ogni ora per 6500 ore all'anno su Civitavecchia, Tarquinia, Allumiere, Tolfa e Santa Marinella  (totale 39.000 quintali all'anno), se il limite sarà 5 la quantità si ridurrà a 30 kg ogni ora (1.950 quintali all'anno). Leggete ora la motivazione dichiarata  …. valori limite più bassi di quelli indicati comporterebbero onerose limitazioni di approvvigionamento del combustibile, che implicherebbero l’impossibilità di accesso ad importanti aree di fornitura del mercato”, che in altre parole significa  chiudete un occhio!, lasciateci usare valori di comodo, inquinare di meno ci costerebbe troppo!. È chiaro che per i cittadini non è una questione di limiti, l'autorizzazione non trasforma i veleni in sostanze benefiche. Invece va compreso a fondo quel valore “100”, raffrontandolo con la quantità attesa massima che è “25”. Perchè tutto questo margine? La risposta va cercata non nel carbone ma nei rifiuti, che bruciando producono un'enorme quantità di acido cloridrico (Hcl). Stanno preparando le carte per  bruciare i rifiuti nella centrale a carbone di Civitavecchia TVN (Torre Valdaliga Nord), nel silenzio di tutti. I cittadini liberi continuano a lottare per fermare la centrale.

 

COMITATO DEI CITTADINI LIBERI

www.cittadiniliberi.blogspot.com

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono ancora incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

ALBERI DI NATALE / i finti alberi di Natale inquinano la nostra bella terra

Ultime news - Unonotizie.it - ALBERI DI NATALE / gli alberi di Natale finti inquinano molto di...

AGRICOLTURA, PESTICIDI / oltre l'80% della superficie agricola europea contaminata da pesticidi

Ultime news agricoltura - Unonotizie.it - Uno o più tipi di pesticidi sono stati rilevati in oltre...

AMBIENTE, MAPPA DELL'ITALIA INQUINATA / cosa vuol dire convivere con l’inquinamento

Uno studio pubblicato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) analizza lo stato di salute della...

TARQUINIA, INCENERITORE RIFIUTI / contrari ad impianto ad alto impatto su ambiente e salute

In merito alla procedura autorizzativa del progetto di inceneritore di rifiuti da realizzarsi nel...

CENTRALE ENEL TVN CIVITAVECCHIA / il forum ambientalista smaschera i furbetti del carbone

Ultime news - unonotizie.it - Giovedì scorso la città di Civitavecchia è stata nuovamente...

CORRUZIONE, MAFIA E AMBIENTE / Ministro Costa: no alle mani della mafia sull'ambiente

Ultime news - UnoNotizie-.it - “La mafia punta a fare business con l’ambiente, un settore che...

CLIMA, ALLARME SICCITA' / Italia a secco con 15 mld metri cubi di acqua in meno

Ultime news - unonotizie.it - L’ Italia è a secco dopo che il trimestre invernale 2019 ha fatto...