VITERBO (UnoNotizie.it)

Riceviamo e pubblichiamo:

 

All'Assessore all'Ambiente della Regione Lazio

e per opportuna conoscenza:

al Presidente della Commissione Ambiente della Regione Lazio

al Presidente della Giunta Regionale del Lazio

alla Ministra dell'Ambiente

all'Assessore all'Ambiente della Provincia di Viterbo

all'Assessore all'Ambiente del Comune di Viterbo  

Oggetto: La realizzazione a Viterbo nell'area termale del Bulicame di un mega-aeroporto costituirebbe un crimine ambientale e un'aggressione alla salute della popolazione.

Richiesta di un impegno a difesa di ambiente e salute.  

 

Egregio assessore,

ancora una volta le segnaliamo che la realizzazione a Viterbo nell'area termale del Bulicame di un mega-aeroporto costituirebbe un crimine ambientale e un'aggressione alla salute della popolazione. 

Un crimine ambientale

- Un crimine ambientale, poiché devasterebbe irreversibilmente l'area termale del Bulicame, un bene naturalistico, ma anche storico e culturale, terapeutico e sociale, simbolico ed economico; che è anche un'area di grande rilevanza archeologica e attorniata da colture agricole pregiate e biologiche;

- un crimine ambientale, poiché viola la vigente legislazione italiana ed europea in materia di tutela dei beni ambientali;

- un crimine ambientale, poiché viola il piano territoriale paesaggistico regionale del Lazio ed il piano regolatore generale del Comune di Viterbo, ed i relativi vincoli di salvaguardia.

Un'aggressione alla salute

- Un'aggressione alla salute della popolazione di popolosi quartieri della città, che saranno più direttamente e fortemente colpiti dall'inquinamento che l'attività aeroportuale di un mega-aeroporto produce;

- un'aggressione alla salute della popolazione dell'Alto Lazio, già colpita dalla concentrazione di servitù inquinanti come il polo energetico Civitavecchia-Montalto;

- un'aggressione alla salute della popolazione che sarà gravissima e insostenibile, come documentato da vari studi e documenti dell'Associazione italiana medici per l'ambiente (International Society of Doctors for the Environment - Italia).

Viterbo e l'Alto Lazio non hanno bisogno di un devastante, nocivo, illegale mega-aeroporto, ma del potenziamento delle ferrovie e di uno sviluppo ecosostenibile che tuteli e valorizzi i beni ambientali e culturali e le autentiche vocazioni produttive del territorio.

L'intera regione Lazio ha bisogno non di nuovi mega-aeroporti, ma della riduzione del trasporto aereo per questo oltre ad opporci al mega-aeroporto a Viterbo siamo contrari altresì a un mega-aeroporto a Frosinone o altrove, siamo contrari ad ogni ampliamento di Fiumicino, e siamo solidali con la popolazione di Ciampino e Marino nella richiesta di ridurre subito e drasticamente la gravemente nociva attività aeroportuale nel sedime di Ciampino.

Con la presente nel segnalarle quindi ancora una volta come la realizzazione a Viterbo nell'area termale del Bulicame di un mega-aeroporto costituirebbe un crimine ambientale e un'aggressione alla salute della popolazione, le formuliamo altresì la richiesta di un impegno a difesa di ambiente e salute: impegno non eludibile da parte dell'Assessorato all'Ambiente della Regione Lazio;

impegno necessario ed urgente anche per porre fine ai gravissimi scandalosi errori in passato dalla Regione Lazio commessi in questa vicenda.

Restando a disposizione per ogni ulteriore informazione ed opportuno chiarimento, e rinviandola fin d'ora alla vasta documentazione disponibile nel nostro sito www.coipiediperterra.org,

e restando altresì in attesa di un cortese riscontro,

voglia gradire un cordiale saluto,  

dottoressa Antonella Litta

portavoce del Comitato che si oppone alla realizzazione del mega-aeroporto a Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo, in difesa della salute, dell'ambiente, della democrazia, dei diritti di tutti  

e-mail: info@coipiediperterra.org;

sito: www.coipiediperterra.org  

Per contattare direttamente la portavoce del comitato

e-mail: antonella.litta@libero.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minacciano un territorio ricco di biodiversità ed archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territorio in pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...

COORDINAMENTO NO TRIV REPLICA A UIL: Crisi sanitaria in Basilicata e royalties petrolifere

Lo scorso 8 Aprile, sulle pagine de “Il Quotidiano del Sud”, a cura di Eugenio Furia, è...

[RI]COSTRUIRE L’ITALIA animati da solidarietà democratica, appello NO-TRIV

“Tutti sanno che nulla potrà tornare come prima, ma è adesso che dobbiamo, insieme, darci da...