TUSCIA-VITERBO (UnoNotizie.it) A partire dal 1987 il capoluogo della Tuscia rinnova ogni anno il suo tradizionale matrimonio con i fiori, grazie ad una spettacolare manifestazione che richiama turisti da ogni parte del mondo.

Fino al 3 Maggio prossimi sarà possibile ammirare l’edizione di San Pellegrino in Fiore 2009, sicuramente unica e assolutamente da non perdere. L’evento si svolge nel cuore medievale della città, fra il caratteristico quartiere di San Pellegrino ed il resto del centro storico, attraverso un suggestivo itinerario che ripercorre la storia, l’arte e l’architettura di luoghi che, per l’occasione, si trasformano in uno sfolgorante scenario con protagonista la natura, fiori e piante di ogni varietà.

Vie e piazze si rivestono di tappeti erbosi e floreali, creando l'illusione di veri e propri giardini, nati magicamente in mezzo al grigio peperino che contraddistingue l’edilizia cittadina. Palazzi, scalinate, finestre e balconi traboccano di fiori variopinti, dalle bellissime fontane e dagli antichi lavatoi sembrano sgorgare fiumi di petali colorati. Tutto come per incanto si tinge di primavera in un'ondata immensa di luce e profumi.

Durante San Pellegrino in Fiore si respira un’atmosfera unica, felice risultato di un affascinante connubio tra storia, arte e natura.

Nelle sale di Palazzo dei Priori, si è svolta la conferenza stampa in cui è stato presentato il calendario di quello che il Sindaco Giulio Marini ha definito l’evento più importante di Viterbo, dopo la festa di Santa Rosa di Settembre.

Infatti, come ogni anno, San Pellegrino in Fiore non è solamente un’esplosione di colori e profumi di fronte ad un pubblico entusiasta, ma anche molto altro.

Durante i quattro giorni, si svolgeranno una serie di manifestazioni collaterali: mostre di fotografia, pittura ed artigianato artistico; iniziative culturali, come la presentazione del volume dedicato a Santa Rosa da Viterbo presso il Museo del Colle del Duomo; mercatini floreali, di antiquariato e collezionismo; spettacoli musicali; la fiaccolata notturna, che illuminerà tutto il percorso della manifestazione, e il finale spettacolo pirotecnico di luci e suoni la serata conclusiva.

Gli appassionati di storia antica, al Palazzo Papale,potranno ammirare la riproduzione di una sala per banchetti con arredi medievali e, nella Chiesa di San Pellegrino, l’investitura del cavaliere. L’Associazione di volontariato Viterbo con Amore propone l’iniziativa benefica “A Tavola con il Cuore”, a cui hanno aderito diversi ristoranti e trattorie che, a sostegno di una campagna di solidarietà, proporranno menù a prezzo fisso con piatti tipici.

L’offerta resterà valida anche nel fine settimana successivo a San Pellegrino in Fiore. Il programma è quindi ricco in ogni aspetto, dall’arte alla cultura, dal commercio al volontariato. Ma non mancherà di certo, secondo le ultime notizie,  la buona cucina né, tantomeno, l’occasione per assaporare la famosa tradizione enogastronomica della Tuscia, con degustazioni dei rinomati prodotti locali, assaggi di vini e visite guidate in un’antica cantina tufacea del 1200.

Tra le novità dell’edizione 2009, l’Assessore Comunale Fabrizio Purchiaroni ha menzionato la presenza, in Piazza San Carluccio, del consiglio comunale dei bambini e dei ragazzi, composto da giovanissimi studenti eletti nelle scuole cittadine, e del baby-sindaco.

Inoltre, il quotidiano di informazione on line UnoNotizie.it, da sempre molto attento alla promozione turistica in Italia e nella Tuscia e l’Associazione Ambientalista Accademia Kronos saranno presenti con uno stand, allestito in Piazza del Pleibiscito, e metteranno a disposizione del pubblico il proprio materiale informativo, unitamente ad un omaggio.

Come ha affermato il Presidente della Provincia Alessandro Mazzoli, San Pellegrino in Fiore dà il via alla stagione estiva della Tuscia, ricchissima di feste e manifestazioni in ogni paese, ma è, soprattutto, l’opportunità per unire enti, aziende ed associazioni.

Il presidente dell’Ente San Pellegrino in Fiore Armando Malè e il direttore organizzativo Fabio Fontana hanno sottolineato che, nonostante i tagli dei contributi da parte degli enti, il programma non subirà contrazioni proprio grazie alla disponibilità di sponsor ed aziende.

Il coinvolgimento del mondo imprenditoriale è fondamentale per fare in modo che San Pellegrino in Fiore non si esaurisca in poche giornate ma possa prolungarsi nei mesi successivi, diventando così il fiore all’occhiello di Viterbo e dell’intera provincia. Lo scorso anno, ha ricordato l’Assessore Provinciale Aldo Fabbrini, si è registrato un afflusso di oltre 100 mila visitatori per un successo davvero eccezionale, ma ovviamente ci si auspica di raggiungere e superare il risultato, mentre già si pensa al 2010.

A tal proposito, Giulio Signorelli di Accademia Kronos in conferenza stampa ha preannunciato che l’edizione del prossimo anno sarà impreziosita dalla partecipazione dei Comuni Fioriti d’Italia.

Con l’inaugurazione prevista per giovedì 30 Aprile alle ore 11 in Piazza del Pleibiscito, San Pellegrino in Fiore 2009 aprirà i battenti.

La città di Viterbo vi aspetta numerosi.

Elisa Ignazzi 

 

GUARDA L'INTERVISTA A FABIO FONTANA, DIRETTORE ORGANIZZATIVO DELLA MANIFESTAZIONE:

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Un’estate attiva all’aria aperta

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

Viterbo, visite guidate. Cosa vedere in un giorno: nasce “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

PALAZZO FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE CON LE VISITE GUIDATE

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...

Fiumicino miglior aeroporto d'Europa nel 2019

L’aeroporto di Fiumicino si è visto attribuire dall’Airports Council International il premio...

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa più famoso della storia

L'altare prima del trono: ritorna a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

San Gregorio VII, il Papa che umiliò l'Imperatore, torna a Sovana il 22 febbraio

Con la festa della Presentazione al tempio di Gesù è iniziato ufficialmente nei giorni scorsi...

TURISMO, MAREMMA ETRUSCA: VISITE GUIDATE SORANO / alla scoperta di Sorano, la Matera Toscana

Ultime news - Unonotizie.it - Sorano è un caratteristico comune della provincia di Grosseto,...