VITERBO (UnoNotizie.it)

Una delegazione della Filca Cisl di Viterbo unitamente alla Segreteria ha partecipato alla Consegna dei Fondi per la conservazione e valorizzazione del Memoriale Italiano di Auschwitz.

La cerimonia che si è svolta nella mattinata odierna a Roma presso la Casa della Memoria e della Storia in via San Francesco di Sales 5, ha visto la partecipazione delle Segreterie Nazionali Regionali Lazio e Territoriali di Filca-Cisl, Fillea-Cgil, Feneal-Uil, rappresentanti degli Enti Paritetici, Presidenti e Direttori delle Casse Edili del Lazio, Edilcassa del Lazio, Associazione Nazionali Ex-Deportati.

Questa iniziativa intrapresa dalla Filca Cisl è scaturita dal Viaggio effettuato ad Auschwitz nell’Aprile 2008.

Lo stesso è stato effettuato con uno scopo fondamentale, rinnovare la memoria, per questo lo ricordiamo come il nostro viaggio nella memoria del nostro Paese e della nostra Europa.

Crediamo che questo sia un impegno che ogni cittadino libero deve sentirsi nei confronti dei tanti sopravvissuti che hanno deciso di testimoniare e raccontare la loro storia di fronte a noi e in nome degli scomparsi o di chi è tornato muto.

Per primi, i sopravvissuti hanno testimoniato per lasciare in eredità la loro memoria e molti continuano a farlo oggi. Ora tocca a noi prendere il testimone e radicare quella memoria nella nostra quotidianità, attraverso semplici gesti e iniziative.

Questo è lo spirito con cui abbiamo organizzato la raccolta dei fondi per salvaguardare e valorizzare il Memorial degli Italiani in Auschwitz, realizzato dall’Aned per testimoniare della deportazione Italiana, e così continuare in quel passaggio di memoria che l’opera intende realizzare.

 

Primo Levi ha partecipato alla progettazione del memoriale con il compito di dargli voce e così ha voluto che il memoriale si rivolgesse al visitatore:

“Visitatore, osserva le vestigia di questo campo e medita: da qualunque paese tu venga, tu non sei uno straniero. Fa che il tuo viaggio non sia stato inutile, che non sia stata inutile la nostra morte. Per te e per i tuoi figli, le ceneri di Auschwitz valgano di ammonimento: fa che il frutto orrendo dell’odio,di cui hai visto qui le tracce, non dia nuovo seme né domani né mai.”

Con queste parole siamo ripartiti da Auschwitz e abbiamo iniziato il nostro lavoro.

La Segreteria Filca Cisl

- Uno Notizie Viterbo -

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...