La maggiore efficienza di spesa delle Regioni italiane nel Programma di sviluppo rurale (Psr) 2007/2013 - come riportato oggi dalla stampa specializzata nazionale - e a  completamento della prima fase di attuazione del Psr delle Marche, partono i bandi per le filiere agroalimentari di qualità, con una dotazione finanziaria di 33,5 milioni di euro.
Il Vice presidente e assessore all’Agricoltura commenta con soddisfazione il dato sulla capacità di spesa delle risorse dedicate allo sviluppo rurale (oltre il 31 per cento rispetto al totale dei fondi assegnati) e sottolinea che ora l’azione regionale sarà finalizzata ad incoraggiare l’aggregazione degli agricoltori al fine di aumentare il loro peso decisionale all’interno delle filiere alimentari, e in definitiva a garantire un loro maggiore reddito.
Il Psr aveva infatti già individuato nella elevata forbice tra i prezzi alla produzione e i prezzi al consumo, uno dei principali problemi del settore, indicando la necessità di ridurre il più possibile le intermediazioni tra produttore e consumatore a vantaggio di entrambi.
Il vantaggio è anche per l’intera collettività che, grazie al consumo locale delle produzioni agricole, otterrà un sensibile vantaggio ambientale derivante dal contenimento di inquinamento e consumi energetici necessari al trasporto dei prodotti agricoli, che ora a volte avviene anche a migliaia di chilometri di distanza. Ai produttori si potranno unire in filiera le imprese di trasformazione, i ristoratori, le amministrazioni locali, i singoli punti vendita, le reti locali della grande distribuzione organizzata.
È già stato pubblicato il bando per le filiere regionali – www.agri.marche.it - ed è di imminente pubblicazione il bando per le filiere locali. Il primo riguarda l’organizzazione su scala regionale di accordi per la certificazione di produzioni di qualità della nostra regione di largo consumo, quali la carne bovina e suina, il latte bovino, i cereali e le produzioni biologiche. Il bando per le filiere locali ha invece lo scopo di valorizzare le produzioni tipiche locali, fortemente legate al territorio di origine, esaltandone la positiva immagine, garantita loro dalla peculiari caratteristiche dei luoghi di produzione.

- Uno Notizie, Ancona -
 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Agroalimentare

ALLARME XYLELLA / Xylella vira verso Matera, nuovi casi a Taranto

Non solo verso Nord, la Xylella vira a Ovest a pochi chilometri da Matera con i nuovi casi di...

DAZI, SOS PASTORI / anche il pecorino italiano nella lista nera di Donald Trump

Dopo aver detto addio a un milione di pecore negli ultimi dieci anni le greggi italiane devono...

VINITALY / da etichetta fieno a vino scomponibile tutte le novità di Vinitaly 2019

Ultime news - unonotizie.it - Dall’etichetta fatta di fieno che salva gli alberi al vino...

CALDO, 6 ITALIANI SU 10 AL LAVORO NELL'ORTO / da Coldiretti i dieci passi per fare un orto perfetto

ULTIME NEWS - UNONOTIZIE.IT - Con l’arrivo del caldo 6 italiani su 10 (62%) sono tornati...

VIA DELLA SETA / la Cina vieta pere, mele e uva Made in Italy

Ultime news - unonotizie.it - Mele, pere e uva da tavola Made in Italy sono vietate in Cina che non...

CLIMA / Coldiretti: 14 miliardi di danni all’agricoltura nell’ultimo decennio per anomalie climatiche

ULTIME NEWS - UNONOTIZIE.IT - La grave siccità nelle campagne del nord provocata da precipitazioni...

BIOLOGICO / aumento del 10% delle vendite al dettaglio nel 2018 per gli alimenti biologici

Ultime news - unonotizie.it - Con un aumento del 10% delle vendite al dettaglio nel 2018 gli...

INQUINAMENTO E SMOG / allarme Coldiretti: senza pioggia città inquinate e siccità nei campi

Ultime news - UnoNotizie.it - Se la mancanza di pioggia nelle città ha causato l’innalzamento...