Turismo Piemnonte, ultime notzie Torino - Nel 2011 la Provincia di Torino darà vita, insieme ai Comuni canavesani, alla “Strada del Gran Paradiso”, un’iniziativa di promozione del territorio e delle sue peculiarità turistiche, naturalistiche ed enogastronomiche che ripercorrerà, adattandolo alle caratteristiche del territorio, il modello già sperimentato con successo con la Strada Reale dei Vini torinesi e con la Strada delle Mele di Cavour e del Pinerolese.

Nella seduta di ieri pomeriggio, il Consiglio Provinciale ha approvato all’unanimità una mozione in cui si impegnano il Presidente Saitta e la Giunta ad avviare la concertazione con gli Enti locali per la definizione del percorso e la programmazione di una serie di eventi promozionali sul territorio. Alla Giunta il Consiglio ha chiesto anche di attivarsi presso la Regione Piemonte affinché venga rifinanziata la Legge regionale 63/78, al fine di sostenere le iniziative enogastronomiche di valorizzazione e conoscenza sul territorio canavesano.

“L’approvazione della mozione, - sottolineano il Presidente Saitta e l’Assessore all’Agricoltura e Montagna, Marco Balagna – pone le premesse per una importante azione coordinata tra Enti pubblici e soggetti privati nella promozione dei prodotti agroalimentari ed artigianali. E’ un fatto tanto più importante in un periodo in cui è indispensabile diversificare l’economia di un territorio che ha già pagato un prezzo pesantissimo alla crisi. In questo senso, il Canavese si trova in una posizione di vantaggio, avendo mantenuto, nel settore agricolo come in quello turistico, una forte identità territoriale. Da parte nostra, abbiamo già previsto per il 2011 investimenti per 20.000 Euro di fondi propri per la valorizzazione dei territori e dei prodotti agroalimentari tipici canavesani. Altre risorse saranno reperite grazie ai progetti Interreg ALCOTRA  presentati il 30 novembre scorso all’Unione Europea. Si tratta di progetti volti alla qualificazione e commercializzazione dei prodotti locali. Nelle prossime settimane opereremo per coinvolgere nel progetto della Strada del Gran Paradiso tutti gli attori locali delle filiere agricole, artigianali e turistico-ricettive, così com’è avvenuto con le Strade dei Vini e delle Mele”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Benvenuti al Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

CIVITA DI BAGNOREGIO BELLEZZA MONDIALE

Negli ultimi sette anni si sono registrati numeri in aumento di visitatori italiani e stranieri;...

Altare prima del trono: nacque a Sovana Gregorio VII, Papa che cambiò la storia

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

Tuscia, turismo all'aperto: emozionanti visite guidate a Viterbo e Civita di Bagnoregio

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. In...

Viterbo, visite guidate. Cosa vedere in un giorno: prosegue “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

Alto Adige, estate all’aria aperta sulle Dolomiti

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

PALAZZO FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE CON LE VISITE GUIDATE

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...