Un mese di viaggio, 1.300 km percorsi, preceduti da 14 voli di allenamento di circa 15 km ognuno. 11 ibis a seguito di un ultraleggero, un team di 15 persone: sono questi i numeri di uno straordinario programma sperimentale, alla sua quinta spedizione, promosso dall’Associazione ambientalista austriaca Waldrappenteam in collaborazione con il WWF Italia, che “ospiterà”
gli ibis nei mesi invernali, e con il patrocinio della Provincia di Grosseto. Nell’Oasi WWF Laguna di Orbetello, stamattina alle 11.30, le due associazioni hanno dato il benvenuto ai primi 6 ibis eremita dello stormo partito da Gorizia lo scorso 7 settembre, che si prepara a trascorrere l’inverno nell’Oasi per cercare di recuperare un istinto migratorio ormai perso. Gli altri esemplari sono attesi nei prossimi giorni.

Questi rari e grandi uccelli neri dal lungo becco rosso sono giunti in Toscana “guidati” da un’equipe di ricercatori, vere e proprie “madri adottive umane”, che mirano a reinsegnare a questi uccelli l’antica rotta migratoria verso Sud, utilizzando un deltaplano che li affianca nel volo, proprio come una vera madre. Con la progressiva scomparsa delle paludi e delle isole che segnavano la rotta della migrazione (e offrivano riparo per le soste), gli ibis eremita hanno infatti dimenticato il loro istinto di viaggiatori, rinunciando a migrare verso i luoghi più caldi. L’obiettivo di questa peculiare tecnica quindi è quello di intervenire sull'apprendimento delle rotte migratorie, in modo da poter utilizzare in futuro quanto acquisito per integrare le popolazioni naturali esistenti (Siria e Marocco).

Da oggi fino alla loro prossima migrazione, gli ibis verranno lasciati alle cure dello staff WWF, cercando di trascorrere il maggior tempo possibile con il giovane stormo. Provvederanno quindi alla loro alimentazione, alla loro salute, e gli applicheranno dei GPS a zainetto che consentono di registrare quotidianamente gli spostamenti degli uccelli, controllando periodicamente il loro peso. Ogni giorno verranno registrati i parametri meteorologici e la presenza/assenza degli individui. Se l'apprendimento ha funzionato, gli uccelli ritorneranno da soli in Baviera una volta raggiunta la maturità sessuale (2° o 3° anno).

L’Oasi WWF Laguna di Orbetello offre allo stormo un habitat ideale per il loro svernamento. Grazie alla sua posizione lungo le rotte migratorie vede la concentrazione di migliaia di uccelli, specialmente nel periodo invernale, come fenicotteri, cavaliere d’Italia, airone bianco maggiore, airone cenerino, falco pescatore, mestoloni, spatole, avocette. Solo un ambiente integro, ricco di insetti e piccoli invertebrati di cui cibarsi, con siti da usare come sicuri dormitori, costituisce un luogo sicuro e con le condizioni ottimali dove gli ibis potranno svernare e ritrovare il proprio istinto migratorio.

Zona umida di importanza internazionale, Orbetello rappresenta l’Oasi storica del WWF Italia, oltre ad essere un prestigioso “polo” naturale per la ricerca in campo ambientale. Numerosi gli studi di conservazione avviati e seguiti all’interno dell’Oasi WWF Laguna di Orbetello: dall’inanellamento delle anatre per studiarne i processi migratori, agli studi sull’aviaria in collaborazione con l’INFS. L’Oasi, che protegge 1553 ettari di laguna, è inoltre un importante “cantiere” per l’osservazione e lo studio dei cambiamenti climatici in Italia.

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DIO TINIA /a Tarchna e Viterbo (Surna) ammaliati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...