MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI E SERVIZI AGGIUNTIVI, Confcultura: ''Le gare dei musei sono da rifare''.
Ultime notizie Lazio, Roma - Le gare per assegnare i servizi dei musei sono da rifare, chiede Confcultura, l'associazione che riunisce la maggior parte dei concessionari, la quale ha inviato una lettera in tal senso al nuovo ministro dei Beni culturali, Giancarlo Galan, alle tre direzioni regionali che hanno già avviato le procedure di selezione, all'Antitrust e all'autorità per la vigilanza sui contratti pubblici.



Il motivo per cui si chiede lo stop alle gare è la mancanza di tenuta imprenditoriale del sistema, che è anche viziato da illegittimità, sostiene Confcultura. Già due Tar – del Lazio e della Calabria – hanno censurato alcune clausole contenute in due specifici bandi, clausole che però si ritrovano in quasi tutte le 23 gare predisposte dal ministero e per le quali si è conclusa la fase della dimostrazione di interesse da parte degli imprenditori. In quattro realtà – Cerveteri, Tarquinia, Paestum e Ravenna – si è anzi andati avanti e sono stati predisposti i capitolati e si sono raccolte le offerte dei concessionari, anche se ancora le buste non sono state aperte.


«Ma anche nei capitolati – afferma Patrizia Asproni, presidente di Confcultura – si ritrovano gli stessi vizi presenti nei bandi di gara. Permane, pertanto, la totale mancanza di sostenibilità economica delle condizioni poste dal ministero, che non consentono una gestione efficiente ed efficace dei servizi. Ecco perché abbiamo chiesto ai Beni culturali di ritirare i bandi in autotutela e di avviare insieme un tavolo dove studiare nuovi percorsi».
La stessa richiesta è stata inoltrata anche alle tre direzioni regionali che hanno predisposto i capitolati, ma sia dal ministero sia dalla periferia non sono arrivate risposte. O meglio, la direzione della Campania si è fatta sentire, ma per dire che non può dar corso alle richieste di Confcultura. «Eppure – aggiunge Asproni – la scarsa partecipazione alle gare dovrebbe far riflettere, perché è il più chiaro segnale che in queste condizioni i concessionari non possono lavorare. E non ci si venga a dire che puntiamo soltanto ai musei famosi, quelli dei grandi numeri. Siamo interessati anche ai siti minori, purché si riesca a far quadrare i conti. Obiettivo che, invece, diventa sempre più lontano, soprattutto dopo la parcellizzazione delle concessioni prevista dalle nuove linee guida per le gare dei servizi museali».


Il riferimento è allo "spezzatino" che ha previsto, in uno stesso luogo d'arte, selezioni diverse per l'affidamento della biglietteria, delle librerie, dei servizi di ristorazione. Regole che il ministero ha messo a punto ricorrendo anche a consulenti esterni pagati 200mila euro. «Nonostante questo le linee guida non funzionano», commenta la presidente di Confcultura, che stigmatizza anche la filosofia delle aperture gratuite straordinarie avviate dal ministero nel 2010.


«Non siamo affatto contrari a simili operazioni di marketing – afferma Asproni – e se a suo tempo abbiamo presentato un esposto contro tali iniziative è perché il ministero avrebbe dovuto avvertire i concessionari interessati. Così come vuole il contratto sottoscritto da entrambi. Invece, i Beni culturali hanno sempre agito in maniera unilaterale». Il riferimento è al direttore della valorizzazione, il civil servant Mario Resca (così come si è definito nell'intervista al Sole 24 Ore del 4 maggio). «Civil servant – replica Asproni – è il direttore degli Uffizi, che guadagna 1.600 euro al mese e lavora dieci ore al giorno. Resca si porta a casa 160mila euro l'anno e continua a rimanere nei consigli di amministrazione di molte società, oltre a essere presidente di Confimprese. Con un'incompatibilità palese».

FONTE: Il Sole 24 Ore

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO ED ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ricchi tesori

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

La più antica civiltà italiana, i Rinaldoniani vissero anche a Viterbo

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...

TARQUINIA, NUOVO LIBRO SILVANO OLMI / sabato 26 gennaio presentazione di “Non solo la Ciociara” sulle violenze di guerra

Ultime news - unoNotizie.it - Sarà presentato sabato 26 gennaio 2019, alle 17, nella sala del...