Il ministro Tremonti nel ciclone delle polemiche, ultime notizie, Roma - Ha respinto con decisione qualsiasi ipotesi di illecito, il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, in merito all'abitazione datagli in affitto da un ex consigliere, Marco Milanese, indagato per corruzione. Ma ammette il ministro di aver fatto degli errori e commesso leggerezze nel condurre l'intera vicenda. Alla fine Tremonti ha dovuto rispondere pubblicamente del polverone che si è sollevato e lo ha fatto parlando sia alla televisione che alla carta stampata, sottolineando di non avere alcuna intenzione di dimettersi dalla carica di ministro, per tutelare gli interessi dell'Italia.

La casa dello scandalo è un appartamento situato in via Campo Marzio a Roma, che Tremonti avrebbe preso in affitto da Milanese, suo braccio destro e deputato del Pdl, per la cifra di 8.500 euro al mese. Affitto che Tremonti avrebbe pagato in parti in contanti a 1000 euro al mese, come riferito da Milanese stesso. Quest'ultimo, ricordiamo, è indagato dalla magistratura di Napoli che ne ha richiesto l'arresto con l'ipotesi di corruzione, rivelazione di segreto d'ufficio e associazione a delinquere per quel che riguarda un'indagine su una assicurazione.

E sono stati in molti a chiedersi se fosse stato necessario pagare un affitto con denaro contante. "Per uno come me scusarsi è una cosa - ha detto il ministro in televisione -  però, devo dire: se ho fatto degli errori, l'unica scusante che ho è che lavoro un sacco", ha detto oggi in tv. "Però non ho bisogno di illeciti favori, di fregare i soldi agli italiani. Non ho casa a Roma, non me ne frega niente. Devo dire poi che non ho particolare vita da salotti, di poteri, di appalti", ha sottolineato.

Ma a scatenare ancora di più il putiferio intorno al ministro dell'Economia, sono state alcune dichiarazioni a riguardo della sua scarsa tranquillità nello stare in albergo o presso la caserma della guardia di Finanza: "La verità è che, da un certo momento in poi, in albergo o in caserma non ero più tranquillo. Mi sentivo spiato, controllato, in qualche caso persino pedinato".

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE ? /l'ultimo articolo su Tarquinia Città di Luigi Daga. Parla anche della mafia a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...

Italia Nostra Etruria: su completamento SS 675 decisivo solo parere Corte di Giustizia Unione Europea

Non siamo appassionati delle corse della politica ad accreditarsi meriti spesso poco reali sui...

Viterbo, terremoto oggi: scossa di terremoto ad Arlena di Castro

Lazio, ultime notizie Tuscia: scossa di terremoto di oggi in provincia di Viterbo. Un...

RICORDIAMO PEPPINO IMPASTATO NELL' ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Ricorre l'anniversario della morte di Peppino Impastato, assassinato dalla mafia il 9 maggio...