Domenica 12 ottobre la Galleria Miralli inaugura, presso lo spazio espositivo di Palazzo Chigi a Viterbo, la mostra Corpi-Luogo di Teodosio Magnoni a cura di Patrizia Ferri. Le opere rimarranno esposte fino al 7 novembre.

L’ultimo ciclo di opere di Teodosio Magnoni, tra i protagonisti della scultura italiana dagli anni ’60 ad oggi, si incentra sull’idea dello spazio in quanto luogo , del corpo come sua misura e paradigma, nonché della forma come organismo: il concetto di spazialità incarnato dalle sue strutture è una vera e propria spazialità del corpo,  inteso sempre dall’artista come lo strumento per eccellenza di verifica. I “Corpi-luogo” del 2008 sono sculture inedite di legno verniciato di bianco e di nero e di acciaio inox, che in mostra  compaiono accanto a  “Solido vuoto-barca” del 1992 e ad alcuni altre opere a parete facenti parte del ciclo precedente dei “Corpi estesi” del 2002-2003 .

Sono strutture tautologiche non allusive dove la forma si rompe, quasi si nega, si presenta come una sorta di residuo portatrice di un principio squisitamente concettuale e di valore qualitativo, che intende la bellezza sempre relativa nel contrasto e nella dinamicità ,  incarnando il principio di  luogo come campo energetico da sperimentare, ultimo approdo della sua riflessione stringente sul vuoto sviluppata secondo una processualità serrata e poetica dove l’arte si relaziona alla filosofia, per declinare i fondamenti del linguaggio dopo averne sperimentato la dissoluzione in una sintesi radicale.

Dalla metà degli anni ’80 le opere di Magnoni si declinano pertanto in immagini volumetriche progettate secondo piegature ed aperture in una lucida morfologia a volte leggera come un origami, altre più concentrata e quasi monumentale, ma mai definitiva, aperta, metafora di un’arte come luogo fluido, spinta oltre la soglia di incidenza sul reale. Un luogo  esemplare, che è esattamente quello creato da Magnoni, dove sostare e in cui misurarsi nel recupero di una dimensione spirituale laica e campo energetico dove si concentra l’essenza del mondo, tutta nel “qui e ora”

come indicava l’avanguardia, quell’avanguardia di cui l’artista è uno dei più lucidi e originali continuatori.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DIO TINIA /a Tarchna e Viterbo (Surna) ammaliati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...