L’escursione Chieti-Cocullo promossa da Accademia Kronos offre diverse opportunità per approfondire tematiche archeologiche, culturali e di tradizione popolare. La città di Chieti, secondo la leggenda, sarebbe stata fondata dall’eroe greco Achille e dedicata alla madre Teti da cui avrebbe preso il nome. Visitando i suoi musei archeologici, in particolare la Civitella, si potrà dare una risposta alla domanda: dove dimoravano abitualmente i popoli della cosiddetta “civiltà appenninica”  praticanti la transumanza? In pianura o in montagna? La posizione di Chieti vicina al mare così come quella delle antiche città etrusche del Lazio suggerisce la pianura come indicato anche dai ritrovamenti fatti da re Gustavo di Svezia a Luni in territorio di Blera. Ma ciò è in contrasto con la tesi del poeta D’Annunzio che ha descritto la transumanza come usanza praticata dai montanari.

Al limite potrebbero essere vere entrambe le tesi, in un primo periodo l’usanza era appannaggio degli abitanti della pianura, in seguito è rimasta ai soli montanari.

Un’altra importante tappa nella visita sarà il museo di Villa Frigerj  per apprezzare “il guerriero di Capestrano” una scultura rappresentativa del livello di civiltà raggiunto dai popoli stanziati al di là dell’Appennino. Un caratteristica di questi popoli era l’esigenza di costruire santuari e templi proseguita in tempi moderni con la creazione di eremi e monasteri e la pratica del pellegrinaggio. La festa in onore di San Domenico protettore dai morsi dei serpenti a Cocullo dove, grazie alla disponibilità della Pro Loco sarà possibile visitare la mostra permanente, è l’esempio più spettacolare del pellegrinaggio abruzzese. Qui venivano portati coloro che manifestavano attacchi di epilessia, i tarantati, che chiedevano a San Domenico guarigione e protezione.

La presenza dei serpenti come coprotagonisti della manifestazione insieme a San Domenico rinvia direttamente il rito al mito di Asclepio- Esculapio, figlio di Apollo che avrebbe dato inizio alla medicina antica, ma ispira anche quella moderna.

Per informazioni e prenotazioni telefonare di mattina al 0761 223480 entro Venerdi prossimo. Giulio Signorelli

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DIO TINIA /a Tarchna e Viterbo (Surna) ammaliati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...