La casa editrice Davide Ghaleb chiude. Lazio, ultime news Vetralla, Viterbo - UnoNotizie.it - Adesso è proprio finita!  La Casa Editrice Davide Ghaleb chiude i battenti.

In questi ultimi anni si è evidenziata un’incessante carenza di risorse economiche verso la cultura e, di conseguenza, verso le attività che svolgono un impiego in questo settore. Ciò ha fatto sì che anche questa realtà viterbese, una delle poche esistenti nella provincia, giungesse ad una crisi irreversibile.

La Casa Editrice Ghaleb, attraverso un’attenta, professionale e valida produzione editoriale, ha portato alla luce oltre un centinaio di pubblicazioni (alcune di livello internazionale), tre testate giornalistiche locali, un portale culturale, ha organizzato concerti, mostre e numerose altre iniziative, tutte ancora documentate sul sito web della Casa Editrice stessa.

Questo lavoro culturale è stato realizzato, insieme alla collaborazione scientifica del Museo della Città e del Territorio nelle persone di Enrico Guidoni ed Elisabetta De Minicis, soprattutto per allargare i confini della conoscenza e sensibilizzare l’opinione pubblica a una maggior attenzione verso il patrimonio storico-artistico e ambientale. Nonostante queste preziose collaborazioni, si è arrivati alla parola fine. È mancata soprattutto una maggior attenzione da parte delle amministrazioni locali e degli Enti pubblici.

Tranne rare eccezioni, non hanno mai collaborato attivamente, spendendo le esigue risorse soprattutto per sagre e cene.

Attività che rendono, sicuramente di più, in termini di visibilità, di presenza di pubblico e di ritorno economico.


Altro neo, purtroppo anch’esso evidente, è stato l’inesistente lavoro dei distributori e il quasi inutile lavoro delle librerie, quelle poche che ancora sopravvivono sono costrette a sottostare al gioco dei grandi distributori.
Dunque, l’immensa fatica portata avanti in questi anni andrà perduta per sempre.

La Casa Editrice ha ancora un magazzino libri, con migliaia di pubblicazioni che, se non vendute, andranno al macero.


La cultura andrebbe tutelata e salvata, ad ogni costo, perché è di primaria importanza per l’evoluzione della società.

Ecco l'appello di amici e collaboratori della Casa Editrice Davide Ghaleb

“Non riusciamo a rassegnarci”. Ormai sull’orlo della chiusura, la sorte della casa editrice sta a cuore a molti.  Un’attività che è riuscita sempre e a testa alta a mantenere la propria indipendenza di scelte editoriali, un’occasione per giovani e meno giovani di veder coronato il proprio ideale di lasciare un segno nel tempo pubblicando le proprie storie, le proprie ricerche scientifiche, le proprie composizioni artistiche. “Una casa editrice è una risorsa per tutti gli abitanti di un territorio. Non si tratta soltanto di un’impresa privata, e di questo Ghaleb ha dato più volte prova, non puntando al mero arricchimento personale. Si tratta piuttosto di un bene pubblico”. Di qui nasce una proposta che ha il sapore di una sfida.

“Se acquistassimo tutti un solo libro direttamente presso la sede dalla Casa Editrice, o attraverso questo sito, entro la prima metà di gennaio, forse potremmo permettere all’editore di aprire di nuovo uno spaccato nel futuro” propongono alcuni dei curatori di Collana e alcuni autori “Un impegno accessibile a tutti, un gesto semplice ma dalla grossa carica simbolica e non solo. Un modo per dire –Anch’io sono parte della Casa Editrice-”.

“Il tempo è estremamente ristretto, dato che l’attività è di fatto in chiusura alla data del 31 dicembre” comunica Davide Ghaleb, “ma non nascondo l’incoraggiamento che provo per questa iniziativa che viene dai miei amici. Ringrazio tutti per questo gesto che mi fa sentire meno solo.”


PER CONTATTI, SOSTEGNO E SOLIDARIETA' CLICCA SOTTO :

www.ghaleb.it


Commenti

Sicuramente la cultura va salvaguardata (eccetto romanzi commerciali che a mio parere servono solo a deviare il tempo dei lettori in cose poco construttive in questo tempo di crisi e demoralizzazione). Comunque un parere da comune cittadino e´ quello di non avere piu´ il tempo di leggere se non qualche ora la sera per vedere le otizie disastrose di un paese allo sbaraglio. Sentir parlare solo nel 2012 di controlli antievasione potrebbe essere un libro apocalittico dei Maya per spiegare alle future generazioni come gli italiani hanno distrutto l´Italia. Cosa speravate di ricevere da un Amministrazione pubblica abbandonata dal Governo e devastata dalla corruzione/concussione I problemi dell´italia sono ancora legati nell´immondizia Campana e qui si parla di cultura e´ come vivere 2 mondi separati nella stessa barca, un governo che investe il 30 delle sue risorse nella crescita (per chi non si sa) e il resto per mantenere la baracca buro
commento inviato il 07/01/2012 alle 1:20 da Luca  
add
add

Altre News Cultura

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO ED ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ineguagliabili tesori

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

ETRUSCHI, MONTE DEL GRANDE DIO TINIA / Tarchna e Viterbo (Surna) luoghi magici

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

La più antica civiltà italiana, i Rinaldoniani vissero anche a Viterbo

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...