LAZIO ultime notizie ROMA – www.unonotizie.it – Il supercommissario Enrico Bondi, autore del decreto sulla spending rewiew ha messo anche il Ministero della Difesa di fronte alla necessità di ridurre le proprie spese. Il decreto che sarà infatti presentato oggi dal Governo dovrebbe prevedere importanti tagli alle missioni di pace (circa 8,9 milioni) e ingenti riduzione del personale in forze nell’Esercito, nella Marina Militare e nell’Aeronautica Militare (circa 150 mila unità entro il 2024).
 
Purtroppo però un altro provvedimento all’attenzione del Ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, che dovrà essere discusso dal governo nei prossimi giorni mette un grave freno ai tagli e alle riduzioni previste per i fondi destinati ai graduati. Innanzitutto non è detto che questo taglio venga realmente effettuato. Nell’articolo 5 comma 2, infatti, si legge che tale riduzione “può essere prorogata, con decreto annuale del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della difesa, di concerto con i Ministri per la pubblica amministrazione e la semplificazione e dell’economia e delle finanze, previa deliberazione del Consiglio dei ministri”.

Pur ammettendo che il taglio venga effettivamente attuato, i soldi racimolati sarebbero comunque utilizzati, non per sgravare i cittadini dalla pressione fiscale, ma per le dotazioni militari. All’articolo 4, infatti, si legge che “le risorse recuperate a seguito dell’attuazione del processo di revisione dello strumento militare sono destinate al riequilibrio dei principali settori di spesa del Ministero della difesa, con la finalità di assicurare il mantenimento in efficienza dello strumento militare e di sostenere le capacità operative”.

Come denunciato da diverse organizzazioni di pace (a cominciare dal Tavolo della Pace di Perugia), il ddl prevedrebbe quindi tagli a personale e caserme, che servirebbero semplicemente “per comprare nuovi armamenti”, non sottraendosi in questo modo agli impegni finanziari già assunti dal ministero, i quali prevedono – denunciano le associazioni – “non meno di 230 miliardi per i prossimi 12 anni a sostegno delle Forze Armate”. Insomma, si taglia per poi acquistare lo stesso quantitativo di armamenti - già stabilito con precedenti provvedimenti - per i prossimi anni, fino al 2024.


Simone Casavecchia

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Attualità

DOBBIAMO MOLLARE? /ultimo articolo su TarquiniaCittà di Luigi Daga. La mafia anche a Tuscania

A seguire l'articolo scritto 11 anni fa da Luigi Daga sul giornale Tarquinia...

Tesori di Etruria: scopriamo il Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

PALAZZO E VILLA FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE, VISITE GUIDATE ED INFO

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Un taxi carico d'amore incontra la Viterbo Sotterranea

Viterbo, piazza della Morte è silenziosa e fin troppo tranquilla; poche persone passeggiano a...

Davi Wornel: nasce accattivante linea di profumi ricchi di Feromoni

Davi ha scoperto sulla propria pelle la forza dei feromoni, l’artista sostiene che la cosa...

TAKEAPIC 2020, concorso fotografico gratuito sulla Tuscia Viterbese

Aperte le iscrizioni a TAKEAPIC, il contest fotografico gratuito a tema che si svolgerà a Viterbo...

Regione Lazio, PTPR: aree di pregio e rischio cemento

Nella foto Castel di Tora e il lago di Turano situati nella regione Lazio, in provincia di RietiPer...

TERREMOTO OGGI, VITERBO: 17 SCOSSE DI TERREMOTO FRA LAZIO ED UMBRIA

Numerose scosse di terremoto oggi tra le provincie di Viterbo e Terni a cavallo tra alto Lazio ed...