Ultime news - Unonotizie.it - I mercatini sono entrati nell’obiettivo del terrorismo ed è preso di mira lo spirito allegro e spensierato che viene dato alle città e alimentato anche dalla passione e dal calore intrinseco ad ogni abitante, esperienza unica che riscalda l’atmosfera natalizia. Ricercare una spiegazione non è semplice e al di là del significato simbolico della tradizionale passeggiata che si svolge nel periodo dell’Avvento, i mercatini rappresentano un valore storico ed economico delle produzioni artigianali delle città.  Nel raggio delle capitali europee Vienna si distingue per l’eccezionalità dell’organizzazione: sono presenti 20 mercati con 992 bancarelle di Natale, con candele, Alberi di Natale e giocattoli così come prelibatezze prenatalizie: 162 Stand enogastronomici si dedicano dal 13 novembre alla mescita di vin brulè, zucchero filato e torte salate per i visitatori che cercano di assaporare la tradizione del caldo Natale.

Una tradizione che ha radici storiche significative: il primo mercato di Natale di Vienna risale al 1722 ed era situato nella grande piazza triangolare Freyung, nell’antico quartiere abitato da nobili e con numerosi palazzi barocchi, il mercato "Nikolo, Natale e presepi". In quel luogo, il cui nome significa terra d’asilo, perché l’abbazia degli Scozzesi offriva il diritto d’asilo ai fuggitivi non assassini, si svolgeva un mercato regolare che oggi è la testimonianza della vera tradizione viennese che espone oggetti natalizi, artigianato, presepi, ceramiche e favolose decorazioni in vetro. La fantastica tradizione folcloristica contemporanea che adorna oggi questo mercatino sono i canti natalizi che ogni giorno, nel pomeriggio, allietano le orecchie dei turisti e non, permettendo loro di immedesimarsi e vivere a pieno la gigantesca magia del Natale.

Con la prima guerra mondiale iniziò un momento difficile per il "Mercatino di Natale". Tra il 1923 e il 1946, si è tenuto presso cinque sedi diverse dopo Freyung: dal 1928 in misura modesta di fronte alla Cattedrale di Santo Stefano, dal 1937 sulla Neubaugürtel sopra le Hesserdenkmals, per poi tornare nel campo della corte e successivamente di nuovo a Stephansplatz mentre la guerra si stava avvicinando sempre più vicino alla città. Infine, dopo essere stato posizionato nella Rathausplatz, nel 1949 viene spostato di nuovo sul Neubaugürtel, dove rimase fino al 1957, per essere poi di nuovo tenuto nel Palazzo della fiera commerciale. Oggi il più grande mercatino è ancora una volta quello sulla piazza principale con 151 bancarelle. I 150 metri di corona dell’avvento dominano l’insieme della scena con gli alberi del parco vicino decorati a festa e creano un atmosfera indimenticabile, con i giochi di luci e scintillanti fantasie. Al Wiener Christkindlmarkt gli addobbi favolosi che adornano la piazza di fronte al municipio, la Rathausplatz, trasformano la città in un paese incantato.

Ben nascosti in piccoli stand, gioiosi venditori preparano bollenti caldarroste che profumano d’incanto tutta la piazza. Un bel mercato ha bisogno di essere ben organizzato e a Vienna il Municipio ne garantisce la sicurezza alimentare. Ogni anno, tutti gli stand gastronomici e alimentari vengono controllati per la conformità con l'igiene alimentare, i campioni alimentari vengono sottoposti a severi controlli da parte della Marktamt e ci sono pochissime lamentele dei mercati dell'Avvento.  Quest’anno l’evento Mercatini è iniziato l’11 Novembre e rimarrà aperto sino al 26 Dicembre 2016 mentre al Castello di Schönbrunn dal rimarranno aperti dal 27 Dicembre al 3 Gennaio 2017 Rathausplatz e zone limitrofe.

Per informazioni su viaggi e hotel contattare www.wien.info/it

Laura Testa

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Turismo

Benvenuti al Geoparco degli Etruschi

Forse gli abitanti locali neppure ne sono a conoscenza, ma l'Etruria è finalmente destinata ad...

CIVITA DI BAGNOREGIO BELLEZZA MONDIALE

Negli ultimi sette anni si sono registrati numeri in aumento di visitatori italiani e stranieri;...

Altare prima del trono: nacque a Sovana Gregorio VII, Papa che cambiò la storia

L'altare prima del trono: a Sovana Gregorio VII, il Papa che cambiò il corso della storia...

Tuscia, turismo all'aperto: emozionanti visite guidate a Viterbo e Civita di Bagnoregio

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. In...

Viterbo, visite guidate. Cosa vedere in un giorno: prosegue “VITERBO SOTTOSOPRA”

Rilancio del turismo e nuove idee che possano contribuire fattivamente a questo obiettivo. Nella...

Alto Adige, estate all’aria aperta sulle Dolomiti

Dopo l’emergenza Covid-19 tutti sentiamo la necessità di ossigenare mente e corpo e di...

PALAZZO FARNESE A CAPRAROLA, COSA VEDERE CON LE VISITE GUIDATE

Nell’epoca del “coronavirus” tutto è pronto per accogliere in assoluta sicurezza i tanti...

Orchestra Italiana del Cinema: video e nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il...