L'edizione 2008 della Banca del Racconto sbarca a Cellere, seconda tappa dopo le “meraviglie” raccontate da Pietro Moretti a Latera alla presenza di un folto e partecipe pubblico.

L'appuntamento è per le 12.30 di domenica 30 novembre, in piazza del Comune.

Alfonso Prota e Antonello Ricci presenteranno “Vincenzo Gioiosi, quando le cose raccontano”. Narrazioni e braciolata presso la capanna del Pastore “Cencio”. A seguire (ore 15.30), visita guidata del Museo del Brigantaggio a cura di Marco D'Aureli e degustazione di prodotti tipici.

Interverrà nel dibattito Renzo Trappolini assessore provinciale alla cultura, mallevadore dell'iniziativa.

La Banca del Racconto è un'iniziativa dell'associazione culturale Percorsi, realizzata con il contributo dell'assessorato alla cultura, turismo e sport della Provincia di Viterbo e della Regione Lazio.

L'iniziativa cellerese è organizzata in collaborazione con il Museo del Brigantaggio.

Con il patrocinio di: Comune di Farnese, Comune di Cellere, Comune di Latera, Museo del Brigantaggio–Cellere, Museo della Terra–Latera, Riserva Naturale Selva del Lamone

Con il contributo di: Comune di Farnese, ARCI Viterbo, Azienda Agricola Biologica La Poppetta – Farnese, Azienda Dialmar – Cellere, Azienda Agricola Radicetti – Cellere, Cantina Lotti – Cellere, Soc. Coop. S.T.A.F. arl – Viterbo.

Un particolare ringraziamento a: Roberto Mancini, Fulvia Caruso, Stefania Mezzabarba

 

Ultima tappa della Banca del Racconto: Farnese (13 dicembre).

 

Tutte le iniziative sono gratuite.

Vincenzo “Cencio” Gioiosi: quando le cose raccontano

Le parole sono cose da trasformare. Le cose raccontano.

Vincenzo “Cencio” Gioiosi nel 1941, a sei anni, è già “'nde le maremme a governà le vacche”. È così piccolo che ha bisogno di salire in piedi sulla mangiatoia. La sua è una famiglia contadina di quelle fortunate, che il pane ce l'aveva. Ma la fortuna andava guadagnata e “la filastrocca era sempre quella, cor vento, pioveva, fioccava...sempre là pe' le maremme bisognava stà”. Era un mondo nel quale non potevi stare a “cazzola” o giocare a pallone con gli amici. E allora, di corsa da Montalto (dove si portavano le bestie al pascolo) a Cellere, andata e ritorno, per consegnare la sporta col cibo al padre. E nel '56, con quella neve alta più di te e le bisaccette a tracolla, a farsi la discesa a “strasciconi”, che era impossibile farla in piedi con le scarpe con le “bullette” sotto. Quello era un mondo in cui “non valevi gnente” e che a Cencio stava stretto, non l'accettava. Ma non si ribellava.

Creare, trasformare, manipolare... cose che Vincenzo ha dentro da sempre. Anche scavare una buca per terra diviene atto creativo. È impossibile non saper fare una cosa. Si può, si può... adesso. Con tutto ciò che capita a tiro. Vernici buttate via sono materia prima per un dipinto, chiodi come scalpelli con cui arrabbiarsi perché “quelli se spinzutavano sempre” a furia di lasciar segni sulla roccia, sedimenti del fosso Timone trasformati nella “Gruppata”, scultura-allegoria del Parlamento Italiano. E infine una Capanna! Un gioiello di sei metri, tirato su tutto da solo. O quasi.

Di storie a lui ne hanno raccontate poche, lui stesso ha paura di diventare “polemico” (noioso) per il troppo parlare. “Manco le virgole conosco”, ma parla di Boccaccio, della Commedia, dell'Odissea e Voltaire, di libri regalati, comprati e buttati sul sedile della macchina, sempre pronti per essere sfogliati. Provate a chiedere a Cencio se ama raccontare, risponderà che è pazzo chi non ama farlo...

Che cos'è la banca del Racconto

Il progetto “Banca del Racconto” lavora sulle identità del nostro territorio e dei suoi paesaggi a partire dai suoi patrimoni narrativi. L’obiettivo è restituire alle comunità interessate i patrimoni narrativi raccolti con l’interesse di un buon tasso di sociabilità dei saperi.

L’idea è semplice: gli operatori della Banca del Racconto identificano uno o più “focolari” narrativi di rilievo rispetto all’identità comunitaria.

Operatori e narratori locali contrattano e definiscono le forme di una restituzione narrativa alle comunità: potrà trattarsi di un video, di un libro, di conferenze o lezioni-spettacolo, di spettacolo tout court, di una mostra, di passeggiate-racconto o di vere e proprie visite guidate.

La peculiarità del progetto è che i narratori partecipano da protagonisti, sotto la regia degli operatori-tutor, anche alle fasi di progettazione e di concreta realizzazione della restituzione alle comunità.

M. Rossi

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DIO TINIA /a Tarchna e Viterbo (Surna) ammaliati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...