Nel museo di Paestum, sono conservate diverse tombe dell'età Lucana. In quelle femminili possiamo distinguere i costumi della donna Pestana, nelle varie circostanze della vita. Nei momenti di vita quotidiana, ad esempio, le matrone sono quasi sempre raffigurate sedute mentre filano, e portano vesti bianche o gialle a righe rosse, coperte da mantelli marroni o rossi drappeggiati, per coprire le gambe o le spalle. In testa portano un diadema rosso, da cui parte un velo dello stesso colore, o giallo bordato di rosso.Le inservienti portano una veste rossa, talvolta coperta da un mantello marrone, con in vita una cintura ed hanno quasi sempre i capelli neri tagliati corti. Gli abiti funerari, invece, consistono in un sudario bianco bordato di rosso o di bruno e decorato con motivi geometrici. L'acconciatura è formata da un velo trattenuto da un diadema. Le gote e le labbra sono tinte di rosso e come unico gioiello, indossano una collana.

Nella società Pestana, le donne appartenenti ai ceti aristocratici sposate, sono le custodi dei beni familiari, e la loro importanza si evince nelle scene raffigurate sulle tombe maschili, in cui le donne accolgono i guerrieri reduci dalle battaglie. In questo caso, il loro abbigliamento da parata, è caratterizzato da un velo bianco che copre il capo, trattenuto sempre da un diadema rosso. I capelli sono nascosti dall'acconciatura e solo alcune ciocche rimangono scoperte all'altezza delle tempie. Il vestito è lungo e bianco ed al centro porta una banda verticale rossa e viene coperto da un mantello bianco bordato di rosso.In alcuni casi,la veste è rossa senza maniche e porta una cintura dello stesso colore con una banda verticale nera decorata ad onde correnti. Calzano calzari neri a punta, rari sono i gioielli : monili con pendenti al collo e armille a forma di cerchio.

                                                                   Marfisa Aliberti                   

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DIO TINIA /a Tarchna e Viterbo (Surna) innamorati del vento

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...