Castel Sant'Elia -
 Ha regalato un grande successo di partecipazione l’inaugurazione della personale del maestro Matteo Frattaruolo, tenutasi sabato pomeriggio presso la Basilica di Sant’Elia.

“Esodo dal popolo balcanico” è il titolo della mostra che ha raccolto alcune delle opere più belle del maestro foggiano, tra cui 17 dipinti, 20 disegni e 4 sculture incentrati sulla condizione di privazione e sofferenza di un popolo che fugge dalla guerra, sul dramma dell’esodo e sulla tragedia umana che esso inevitabilmente comporta. Nelle tele l’artista “traccia” una possibile via di riscatto ridefinendo un senso di maternità come riconquista di una libertà volta alla speranza, oltre l’odio e le brutalità del presente.

Sin dal 1968 Frattaruolo ha esposto i suoi lavori in mostre personali e collettive con riconoscimenti nazionali ed internazionali. A lui l’assessore alla Cultura Fausto Furietti ha consegnato una targa in ricordo di questo importante appuntamento.

L’evento, organizzato da Eureka Eventi con il patrocinio del comune e della provincia, ha visto altresì la partecipazione del Sen. Nando Signorelli e del Prof. Carlo Roberto Sciascia, noto critico d’arte e autore del testo “I nuovi parametri dell’arte”, insieme al sindaco Rodolfo Mazzolini che, con un caloroso benvenuto, ha accolto la numerosa platea.

Alla manifestazione ha fatto da corollario una serie di eventi collaterali, organizzati dalla dott.ssa Loredana Tamburino, che hanno coniugato arte e musica, grazie alla partecipazione dell’Orchestra Minima Mysticanza e della lettura di poesie balcaniche di Francesco Madonna e Loredana Tamburino. Al termine della manifestazione un gradito concerto di flauti e un breve buffet hanno allietato tutti i partecipanti.

 

La mostra rimarrà aperta fino a lunedì 21 dicembre rispettando il seguente orario:

sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 12;

tutti i pomeriggi (escluso il lunedì) dalle 15 alle 17

 

Alessandra Sorge

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DIO TINIA /a Tarchna e Viterbo (Surna) ammaliati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...