ROMA (UnoNotizie.it)

“Volete davvero ridurla così?” Questo l’appello che Legambiente Lazio, dopo il monitoraggio compiuto stamane in via Alessandria, rivolge alle istituzioni capitoline in vista dell’assemblea pubblica sulla riapertura di viale Nizza, l’ultima strada “verde” della Capitale, che si svolgerà domani al museo Macro di Roma. Un traffico selvaggio quello rilevato, infatti, in via Alessandria (come potete vedere nella foto), composto da automobili, ciclomotori, furgoncini e mezzi di carico e scarico merci, perlopiù parcheggiati in doppia fila.

 

Legambiente Lazio, insieme a Cittadinanzattiva Lazio, al Circolo Legambiente Mondi Possibili e a Cittadinanzattiva Assemblea Roma Centro, ha già organizzato una serie di iniziative per scongiurare la riapertura, tra cui la distribuzione di volantini e l’invio di una lettera ai Presidenti del II e del IV Municipio, cioè il territorio dal quale parte il maggior numero di utenti delle linee che subiranno i gravi rallentamenti in caso di riapertura di viale Nizza, nonché ai vertici dell'Atac. “La strada, un imbuto di 600 metri, raccordo tra piazza Fiume e viale Regina Margherita, è riservata ai mezzi pubblici, che la percorrono in due minuti – si legge nella missiva - . Per lo stesso tratto ci vorranno 30 minuti, sia che la strada venga aperta al traffico privato, sia che si escogitino per i bus deviazioni e percorsi più lunghi”.

 

“Basta con l’attacco al trasporto pubblico - dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio – , il cui potenziamento rappresenta invece l’unica vera soluzione al traffico selvaggio e allo smog che assediano la nostra bella città. Ribadiamo la nostra contrarietà alla riapertura dell’ultima strada “verde” della capitale ai mezzi privati, e torniamo a chiedere che il nuovo Piano del Traffico Urbano (PGTU), che sarà presentato ad aprile, preveda invece un aumento delle strade e delle corsie protette riservate al trasporto pubblico. Volete davvero – chiede alle istituzioni capitoline – che via Nizza sia quotidianamente assalita dal traffico come via Alessandria, come testimoniano le foto scattate stamattina?"

 

Ieri, intanto, tutte le dieci centraline di monitoraggio dell’Arpa Lazio, persino quella di Villa Ada, hanno sforato il limite di 35 microgrammi per metro cubo di PM10 stabilito dalla legge.

 

“Al traffico è indissolubilmente legato anche il problema dell’inquinamento atmosferico ed acustico – sottolinea Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio - . Non possiamo continuare così, con le polveri sottili che superano continuamente il limite, tanto più che questo rappresenta non solo un problema ambientale ma anche sanitario, come abbiamo denunciato più volte. Chiediamo all’amministrazione capitolina di tornare subito alle targhe alterne e alle domeniche a piedi, come previsto tralaltro dal piano di risanamento dell’aria elaborato dalla Regione Lazio”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

FARNESE / la Riserva del Lamone, dove flora e fauna vivono ancora incontaminate

La Riserva del Lamone è situata in provincia di Viterbo, nel Comune di Farnese, nel cuore della...

ALBERI DI NATALE / i finti alberi di Natale inquinano la nostra bella terra

Ultime news - Unonotizie.it - ALBERI DI NATALE / gli alberi di Natale finti inquinano molto di...

AGRICOLTURA, PESTICIDI / oltre l'80% della superficie agricola europea contaminata da pesticidi

Ultime news agricoltura - Unonotizie.it - Uno o più tipi di pesticidi sono stati rilevati in oltre...

AMBIENTE, MAPPA DELL'ITALIA INQUINATA / cosa vuol dire convivere con l’inquinamento

Uno studio pubblicato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) analizza lo stato di salute della...

TARQUINIA, INCENERITORE RIFIUTI / contrari ad impianto ad alto impatto su ambiente e salute

In merito alla procedura autorizzativa del progetto di inceneritore di rifiuti da realizzarsi nel...

CENTRALE ENEL TVN CIVITAVECCHIA / il forum ambientalista smaschera i furbetti del carbone

Ultime news - unonotizie.it - Giovedì scorso la città di Civitavecchia è stata nuovamente...

CORRUZIONE, MAFIA E AMBIENTE / Ministro Costa: no alle mani della mafia sull'ambiente

Ultime news - UnoNotizie-.it - “La mafia punta a fare business con l’ambiente, un settore che...

CLIMA, ALLARME SICCITA' / Italia a secco con 15 mld metri cubi di acqua in meno

Ultime news - unonotizie.it - L’ Italia è a secco dopo che il trimestre invernale 2019 ha fatto...