MILAZZO -MESSINA (UNONOTIZIE.IT)
Ancora una volta il diritto di autodeterminazione dei Cittadini del Comprensorio del Mela è stato vanificato grazie alle lobby politico-imprenditoriali che trovano modo per progettare ed avviare i processi autorizzativi senza dare le corrette informazioni ai Cittadini. Infatti solo grazie alle notizie di stampa che, come sempre ormai, precedono qualsiasi fase di pianificazione di progetti riguardanti il territorio, si viene a conoscenza di piani di ulteriore industrializzazione pesante a carico del Comprensorio.

 

I Cittadini di Pace del Mela organizzano giustamente riunioni e manifestazioni per opporsi ai progetti di capannoni dell’ESI di Contrada Gabbia e, nel frattempo, i Sindaci di Milazzo e San Filippo del Mela non rendono adeguatamente pubblici i progetti presentati dalla Raffineria di Milazzo per la costruzione della seconda “bomba ad idrogeno” nell’area del Mela. Il territorio del Mela, già penalizzato e fin troppo martoriato, è vittima di interessi che non tengono in considerazione degli elementari diritti alla salute, alla sicurezza ed alla vivibilità dei Cittadini. Che una volta per tutte gli amministratori locali (impossibile definirli “politici” poiché non si preoccupano minimamente dei diritti delle “polis”-città) abbiano il coraggio di dire pubblicamente che il nostro destino è quello di avere unicamente “VOCAZIONE INDUSTRIALE”.

 

Crediamo soltanto che ci siano ipocrisia e malafede nell’illudere i Cittadini che possano convivere altre possibili risorse vocazionali come il turismo, l’agricoltura e/o il commercio.

Poiché è iniziato il finto processo democratico che illude i Cittadini che possano avere il diritto di scelta presentando anche corpose osservazioni contrarie per ulteriori industrializzazioni pesanti agli Organi competenti, ISDE e WWF ritengono come unica strada percorribile quella della mobilitazione popolare.

I Cittadini devono scegliere perché “scegliere significa vivere”.

In più occasioni abbiamo ribadito i concetti che:

1)      Il sito industriale di Milazzo/Giammoro/San Filippo del Mela rappresenta un’area ad elevato rischio incidentale ed ambientale. In tale area sono localizzate diverse industrie a rischio di incidente rilevante ed in trent’anni di massiccia industrializzazione la popolazione non è mai stata messa al corrente dei piani di emergenza esterni (Direttiva Seveso I e II);

2)      l’area del Mela è stata riconosciuta a livello nazionale come “area critica ad elevata concentrazione di attività industriali, ai sensi dell’articolo 13 del D.Lgs. 334/99;

3)      Va ricordato il D.M. 9 maggio 2001, n. 151 (“Requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante”) che, in attuazione dell’articolo 14 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, “stabilisce requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti soggetti agli obblighi di cui agli articoli 6, 7 e 8 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, con riferimento alla destinazione ed all’utilizzazione dei suoli, al fine di prevenire gli incidenti rilevanti connessi a determinate sostanze pericolose e a limitarne le conseguenze per l’uomo e per l’ambiente e in relazione alla necessità di mantenere opportune distanze di sicurezza tra gli stabilimenti e le zone residenziali per:

a) insediamenti di stabilimenti nuovi; b) modifiche degli stabilimenti di cui all’articolo 10, comma 1, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334; c) nuovi insediamenti o infrastrutture attorno agli stabilimenti esistenti, quali ad esempio, vie di comunicazione, luoghi frequentati dal pubblico, zone residenziali, qualora l’ubicazione o l’insediamento o l’infrastruttura possano aggravare il rischio o le conseguenze di un incidente rilevante”.

 

A Contrada Gabbia abbiamo dichiarato che l’unica soluzione è quella di smantellare l’ASI perché finalmente i Comuni possano riappropriarsi dei propri territori e, quindi, siano in grado di auto determinare le scelte vocazionali. Nel ribadire questa posizione si CHIEDE di dire “NO ad ulteriore industrializzazione”!

 

Referente Provinciale ISDE Italia

Dr. Giuseppe Falliti

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Ambiente

Italia Nostra Castelli Romani smascherano speculazioni urbanistiche edilizie

  E’ il consumo di suolo l’emergenza costante contro la quale Italia Nostra...

Italia Nostra Latina difende la costa da Torre Astura al Circeo

Tutela della costa e dei corsi d’acqua e la lotta per il contrasto al consumo di suolo, ma...

Italia Nostra Etruria: Mega impianti e polo energetico minaccie a territorio ricco di biodiversità e archeologia

Etruria, un paesaggio unico, in costante allerta per le minacce che provengono da grandi impianti...

Italia Nostra Aniene e Monti Lucretili: territori in forte pericolo

Luci ed ombre del territorio della Valle dell’Aniene emergono da un colloquio con il professor...

Italia Nostra, la Torre di Palidoro nella Giornata Virtuale Beni in Pericolo

La Torre di Palidoro, teatro del sacrificio di Salvo D’Acquisto entra a pieno titolo nei...

Silvia Blasi (M5S), comune di Viterbo miope: ricorso al TAR su vincolo Soprintendenza

Un anno fa circa è stato posto dalla Soprintendenza un vincolo su 1600 ettari nella zona di...

EARTH DAY 2020: NELL'ODIERNA GIORNATA DELLA TERRA. DIECI TESI E UN'APPENDICE

"Non far nulla con violenza" (Diels-Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, 10,...

GREENPEACE, CORONAVIRUS. EVITARE PANDEMIE: STOP FONDI PUBBLICI PER AGRICOLTURA INTENSIVA

ROMA, 17.04.2020 - Greenpeace, ultime news Coronavirus - Per ridurre il rischio di future...