VITERBO (UNONOTIZIE.IT) Nella Tuscia, patria degli antichi Etruschi, da sempre il sacro convive con il profano e, poiché la Pasqua coincide anche con la Primavera e dunque con la rinascita della natura, in questo territorio, dove le tradizioni contadine hanno mantenuto una grande importanza, la festività pasquale è sentita in modo veramente speciale. Essa diventa un’occasione per visitare luoghi splendidi assistendo al contempo a spettacoli indimenticabili. Nella cornice incantevole dei piccoli e caratteristici centri storici, prendono vita infatti le innumerevoli rievocazioni della Passione di Cristo – la maggior parte il Venerdì Santo - caratterizzate per essere vere e proprie commemorazioni in costume. La più antica processione della Provincia di Viterbo è quella di Orte - nella Valle del Tevere - risalente addirittura al XIII secolo e ancora oggi svolta completamente al buio, secondo la tradizione originaria. I membri dalla Confraternita di Santa Croce, vestiti di sacco bianco, trasportano la bara con il Cristo morto per le tenebrose strade cittadine, alla presenza di 500 confratelli e figuranti. Tra le più spettacolari rappresentazioni rientra sicuramente quella di Bagnaia - dal 1618 - con oltre 400 figuranti in costumi d’epoca che rievocano la Passione di Cristo in 18 scene seguite ogni anno da migliaia di fedeli e turisti provenienti da tutto il mondo. Particolarmente curate da magnifiche scenografie sono inoltre le rievocazioni della Passione ad Arlena di Castro - nella Maremma - e a Vetriolo. A Montefiascone, a sua volta, si può ammirare una sfilata di oltre cento persone in costume storico e a Castel Sant’Elia, nell’Agro Falisco, una pittoresca fiaccolata che insieme ad una banda musicale, intonante cortei funebri, accompagnano il Cristo sotto il peso delle catene e della croce. In pratica, in quasi tutti i centri si svolge una manifestazione. Tra questi ricordiamo Sutri, Bolsena, Monte Romano, Soriano nel Cimino, Faleria, Marta, Bagnoregio, Tuscania, Tarquinia, Grotte di Castro, Villa San Giovanni in Tuscia, Oriolo Romano, Carbognano, Ischia di Castro, Ronciglione, Bassano Romano, Vejano, Fabrica di Roma, Caprarola, Canino e infine Civitella d’Agliano, teatro quest’anno della Passione vista dagli occhi di Pilato. Ma anche i giorni di Pasqua e Pasquetta hanno i loro festeggiamenti. A Tarquinia, ad esempio, la domenica di Pasqua vi è l’esclusiva “Corsa del Cristo”, la cui statua lignea è portata su e giù di corsa per le vie cittadine da robusti facchini e accompagnata da spari di fucile in segno di gioia. Il lunedì dell’Angelo a Blera si svolge invece il tradizionale pellegrinaggio di 12 km alla cosiddetta “Grotta di San Vivenzio”, in cui si dice abbia abitato il Santo nel Medioevo; e ancora, nei vicoli del borgo di Tarquinia quest’anno si potrà partecipare alla Pasquetta con gli Artigiani, con workshop dimostrativi eseguiti per il pubblico dagli artisti. Il Parco Regionale di Monte Rufeno organizzerà a sua volta una piacevole camminata lungo i sentieri immersi nel verde, partendo dal borgo di Trevinano. E se il venerdì e il sabato santi sono giorni di digiuno, Pasqua e Pasquetta vantano invece una ricca tradizione culinaria, nota soprattutto per la Pizza di Pasqua. Dalla caratteristica forma a fungo, con cannella nella tipologia dolce e formaggio pecorino in quella salata, dalla prima metà del '900 essa costituisce uno degli ingredienti fondamentali della colazione pasquale consumata in famiglia.    

Laura Pagnini

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DEL DIO TINIA /a Tarquinia (Tarchna) e Viterbo (Surna) estasiati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...