TORRE ANNUNZIATA-NAPOLI (UnoNotizie.it)
Con una paziente ricerca dei semi di decina di specie spontanee ed il relativo loro ‘miscuglio’, (riproposto nell’ aiuola ‘dei grandi calchi’), oggi il visitatore può rivivere la magia della Villa di Poppea con un innovativo percorso ‘tra archeologia e natura’, che è proprio il tema della manifestazione in corso in nove siti della Soprintendenza (‘Archeologia e natura nella baia di Napoli’, fino al 2 giugno).


Ed è proprio per festeggiare i nuovi ma antichissimi giardini sabato 25 aprile (ore 12), in programma una eccezionale ‘lettura classica’ dell’attrice Cristina Donadio che proporrà brani di Omero, Virgilio, Ovidio, Fedro, Marziale, Petronio (fino ad esaurimento posti, ingresso gratuito per la Settimana dei Beni Culturali).


“Oltre al cosi detto Prato della Villa imperiale si possono ammirare tracce di vegetazione di epoca romana come il ricco apparato di giardini e aiuole risalenti al I sec. a. C., coltivati a roseti e alberi da frutta, platani, oleandri e limoni, e ancora piante da vaso, fiori e piante rampicanti” – spiega l’arche-biologa Annamaria Ciarallo, direttrice del Laboratorio della SANP.

In particolare i vecchi olivi e melograni a cespugli, di cui è possibile osservare i calchi, erano annessi al nucleo più antico della proprietà e probabilmente rispondevano ad esigenze colturali legate soprattutto alla produzione di olio di oliva, come dimostra il grande dolio interrato visibile in un angolo del porticato.

Nel riadattamento di età augustea nella Villa furono create aiuole delimitate da una doppia incannucciata in cui erano coltivati alberi da frutta di piccola taglia, mentre in quelle ad est furono inclusi i vecchi alberi e fu creato forse un roseto prospiciente al porticato, di cui oggi rimane solo la traccia..

Nel viridario prospiciente il grande atrio tuscanico sono state rinvenute le radici di 3 alberi da frutta di non grandi dimensioni, mentre nel piccolo portico adiacente alle terme la vasca centrale circolare è racchiusa in una piccola aiuola in cui erano coltivate piante in vaso. Nel viridario a sud-ovest, solo parzialmente scavato, fu rinvenuto il ramo di un grande albero.

Un grande albero di castagno era al centro del grande viridario del quartiere servile: poiché per gli antichi era inconcepibile l’abbattimento di un albero, la fontana costruita successivamente fu adattata al tronco.

La parte orientale della villa è stata aggiunta in età claudio-neroniana: è costituita da un quartiere residenziale, con una serie di ambienti aperti su un grande giardino porticato con piscina centrale.

Gli ambienti, che si susseguono ai due lati di un grande salone centrale, racchiudono piccole aiuole coltivate probabilmente a fiori.
 
Lungo la piscina furono piantati alberi da identificarsi probabilmente con platani: il filare era interrotto all’altezza del grande salone da due oleandri e da due limoni, che probabilmente aprivano la vista sulla parte del giardino non scavata.

Sul lato sud della piscina vi era probabilmente un grande pergolato, mentre nella grande area circondata da un porticato del cosiddetto giardino meridionale, accanto alla canaletta e prospiciente al colonnato, vi era una fila di vasetti, che probabilmente contenevano piante rampicanti lasciate crescere sulle colonne, poi eliminate nel momento del loro restauro a seguito del terremoto del 63 e forse ripiantate successivamente, come dimostra una seconda fila di vasetti.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DEL DIO TINIA /a Tarquinia (Tarchna) e Viterbo (Surna) estasiati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...