ROMA (UnoNotizie.it)

Grande successo per i tesori di Fabrica di Roma e Civita Castellana. I due Comuni, che fanno parte del progetto di valorizzazione del comprensorio della Via Amerina, hanno preso parte con i loro preziosi reperti archeologici alla XI Settimana della Cultura che si è appena conclusa. Un’occasione che ha richiamato un gran numero di persone, si stima in migliaia, che hanno visitato in concomitanza con questo evento nazionale la Via Amerina, l’antica via romana, che si snoda per 50 kilometri da Nepi a Orte e che fu creata per raggiungere l’Umbria da Roma.

Grazie anche alle belle giornate di sole la strada che sale verso la Tuscia, immersa nelle coltivazioni di noccioli, tra campi coltivati e antiche vestigia etrusche e romane che affiorano, i tanti visitatori hanno scoperto i paesi della Via Amerina sull’alto delle loro rocche che dominano la valle del Treja. E poi la maestosità della Chiesa romanica di Santa Maria di Falleri di Fabrica di  Roma, l’antica Falerii Novi, che in questi giorni si è animata di persone richiamate dall’illustre presenza del Cippo dei Lari, un antico rinvenimento che si pensava ormai perduto. Invece, grazie alla sapiente opera degli esperti della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, il Cippo è stato ripulito e sistemato in fondo alla navata centrale della Chiesa.

Quando il Comune di Fabrica di Roma acquistò il Palazzo e l’annesso giardino appartenuti al Conte Giuseppe Cencelli, per farne la propria sede, fu notato questo enorme cilindro di pietra tufacea che faceva mostra di sé tra le piante del giardino. L’antica iscrizione, con la dedica ai Lari Compitali per la protezione del viaggio, era molto mal ridotta e solo il lavoro degli archeologici e la tecnologia adeguata hanno potuto riportarla alla luce. Ed oggi possiamo ammirare questo reperto ma soprattutto sapere dalla sua iscrizione, che pare sia l’unico esempio esistente di devozione ai Lari Compitali, quanto gli antichi popoli falisci presenti nella Tuscia fossero devoti agli spiriti protettori che, secondo le tradizioni romane, vegliavano sul buon andamento della famiglia, della proprietà o delle attività in generale.

La XI Settimana della Cultura è stata anche l’occasione per gustare l’enogastronomia locale nei tanti ristoranti ed agriturismi presenti lungo il percorso della Via Amerina, e vedere da vicino anche l’altro cimelio esposto dalla Soprintendenza.  A Civita Castellana, nella suggestiva fortezza Sangallo oggi sede del Museo Archeologico dell’Agro Falisco, per la prima volta è stato esposto al pubblico un prezioso corredo funerario ritrovato in questa zona. Si tratta di una testimonianza che attesta l’appartenenza del defunto all’aristocrazia dominante del VII secolo a.C. e ci riporta agli usi e costumi dei nostri antenati.

Nelle sale del Museo sono stati sistemati tutti gli oggetti che appartenevano alla persona defunta e che, secondo le credenze del tempo, dovevano accompagnarlo nel suo viaggio nel mondo dell’aldilà. Di questo prezioso corredo funerario fanno parte oggetti in metalli preziosi e pietre dure che dovevano essere di uso quotidiano tanto da far pensare ad una persona di ceto sociale elevato. Per i ritardatari sarà ancora possibile visitarlo fino al 30 settembre secondo gli orari del Museo.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Cultura

ETRUSCHI, MONTE DEL DIO TINIA /a Tarquinia (Tarchna) e Viterbo (Surna) estasiati da vento e fulmini

  […] All'improvviso appare ai nostri occhi uno dei più bei paesaggi che io abbia mai...

I Rinaldoniani progenitori degli Etruschi, se ne parla a Viterbo Sotterranea

Cosa avvenne nel remoto passato in quel territorio dell’Italia centrale che oggi chiamiamo...

ARCHEOLOGIA, TARQUINIA, SCAVI DI GRAVISCA / ricerche nello scavo di Gravisca tra le 10 importanti scoperte mondiali

Ultime news Tarquinia, archeologia e storia - UnoNotizie.it - Le ricerche nello scavo di Gravisca,...

TOSCANA, SOVANA / quest'anno un francobollo ricorda 1000 anni dalla nascita di Papa Gregorio VII

Un francobollo, nel 2020,  per il millesimo della nascita di San Gregorio VII Papa. La...

SAN VITO, MINIERA DI PIOMBO E ARGENTO DI MONTE NARBA / in Sardegna ammiriamo un sito spettacolare

Già esplorata a metà Settecento da Carlo Gustavo Mandel, console di Svezia a Cagliari, la miniera...

I MURALES DEL BORGO DEI PESCATORI/ a Passoscuro i bellissimi murales resistenti alle tempeste

Le dune di Passo Oscuro sono un bellissimo ambiente dunale di circa tre chilometri, attraversato...

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA / 23 e 24 marzo apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

Ultime news - unonotizie.it - Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme...

ARCHEOMAFIE / patrimonio culturale e aggressione criminale: il fenomeno delle archeomafie

“Guardate la definizione che di Archeologo ed/od Archeologia fornisce la Treccani, come pure...