In un solo giorno pervenuti al centro “La Fagiana” (MI) quattro esemplari con ferite da arma da fuoco.

La LIPU: “Pene più dure e più risorse contro il bracconaggio”.

Spari e uccisioni di specie protette nell’ultimo weekend di caccia. Tra Pavia e Novara la LIPU ha raccolto sul terreno un Airone cenerino, una Poiana, un Barbagianni e un Fringuello, tutti abbattuti dai pallini sparati da ignoti. Portati al Centro recupero fauna selvatica LIPU “La Fagiana”, a Pontevecchio di Magenta (MI), gli esemplari sono stati ricoverati e sottoposti ad accertamenti da parte del personale della struttura: il Barbagianni, a causa delle gravi ferite riportate, è deceduto, l’Airone e la Poiana sono in attesa di un’operazione, mentre il Fringuello è stato dichiarato recuperabile.

Weekend venatorio tragico anche a Roma, con due rapaci uccisi a fucilate: al Centro recupero della LIPU presso il Bioparco sono stati ricoverati con ferite da arma da fuoco due esemplari di Sparviere (di cui uno deceduto), due di Gufo comune (uno è deceduto), e una Poiana. Dai primi di settembre il centro di Roma – sottolinea la LIPU – ha già soccorso 17 esemplari, in gran parte rapaci, raccolti tra le province di Roma, Latina e Frosinone, con quattro rapaci e un Tarabusino uccisi in conseguenza di ferite da arma da fuoco. Infine il centro recupero di Casacalenda (Campobasso): due esemplari di Falco pecchiaiolo colpiti a Benevento, di cui uno deceduto e uno che si trova in voliera di riabilitazione, costretto a saltare la migrazione autunnale, poi un Gheppio (deceduto), uno Sparviere, che si trova in riabilitazione, e un esemplare di Upupa poi deceduta.

<<Si tratta di gravi episodi che confermano e rilanciano l’allarme bracconaggio su tutto il territorio nazionale – dichiara il vicepresidente LIPU Fulvio Mamone Capria – Lanciamo un forte appello alle forze dell’ordine, affinché si intensifichino i controlli, e al Parlamento, affinché non si depenalizzino, come invece previsto da alcuni progetti di legge, ma anzi si rafforzino le sanzioni contro i reati di caccia illegale e bracconaggio contenuti nella legge 157/92. Ma una richiesta va fatta anche al Governo, perché preveda al più presto un serio adeguamento di risorse e strumenti per combattere un fenomeno, quello del bracconaggio, esecrabile e tutt’altro che in calo>>.

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...