Nella lettera del  18 ottobre 1965, scritta da Barbiana, ai giudici del processo che lo vedeva imputato per il reato d’istigazione all’obiezione di coscienza, don Lorenzo Milani, una delle personalità più limpide e coerenti della nonviolenza e figura di  primo riferimento per l’intero mondo della scuola italiana afferma: “Abbiamo dunque preso i nostri libri di storia (umili testi di scuola media, non monografie da specialisti) e siamo riandati a cento anni di storia italiana in cerca d’una guerra giusta. D’una guerra cioè che fosse in regola con l’articolo 11 della Costituzione.
Non è colpa nostra se non l’abbiamo trovata”.
 E cosi noi. Il prossimo 4 novembre assisteremo ancora una volta ai festeggiamenti, mai termine fu più improprio, in ricordo della I guerra mondiale. Festeggiamenti esaltati dalla retorica e punto di forza della  mistificatoria propaganda di quel regime fascista che mentre sopprimeva ogni libertà in Italia e con le leggi razziali avviava alla deportazione i cittadini ebrei italiani, faceva della guerra di aggressione a nazioni e popoli il punto centrale della sua politica, con le conseguenze che tutti dicono di conoscere ma che spesso si dimenticano.
 La prima guerra mondiale fu una guerra ingiusta, come tutte le guerre, un’inutile strage.
Le vittime italiane furono più di 600 mila, oltre un milione i feriti e tra questi più di 600 mila mutilati. I morti in totale  nei paesi coinvolti nel conflitto furono quasi 10 milioni. Tutto questo si sarebbe potuto evitare attraverso soluzioni diplomatiche, senza alcun spargimento di sangue, come suggerito d’allora ministro Giolitti e documentato storicamente.
Oggi l’Italia è ancora una volta un paese in guerra. Chiamiamo ipocritamente missione di pace la guerra in Afghanistan, a cui prendiamo parte con enorme sperpero di risorse pubbliche e disprezzo delle  vite umane dei nostri soldati e dei civili, soprattutto bambini, in aperta violazione dell’articolo 11 della nostra Costituzione che afferma:” L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”.
Quello stesso articolo tanto caro a don Milani come a tutti i veri democratici e alle  persone che hanno a cuore la pace. Il comitato Nepi per la Pace insieme alle organizzazioni Movimento Nonviolento,  Beati Costruttori di Pace e Peacelink rivolge un appello alle Istituzioni, agli insegnanti, agli studenti, agli organi d’informazione, alle autorità religiose, alle autorità militari e a tutti i cittadini perché il 4 novembre diventi una giornata di studio e di memoria, una giornata di ripudio di tutte le guerre, in ricordo di tutte le vittime e in solidarietà con tutte le persone  e i popoli coinvolti nei conflitti. Iraq, Israele, Palestina, Cecenia, i Congo, Tibet, Afghanistan, sono solo alcuni tra i tanti teatri di guerra nel mondo, dove si continua a morire e che poco o nulla scuotono le nostre coscienze. Facciamo nostro questo impegno insieme alla richiesta del ritiro immediato dei soldati italiani dall’Afghanistan.


Comitato Nepi per la Pace

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...