Si chiama Leave, che sta per Leaving for a Valued Experience, ed è un progetto comunitario cofinanziato dalla Provincia di Sassari per consentire a venti giovani diplomati di compiere esperienze di stage all’estero attraverso il programma “Leonardo Da Vinci” dell’Unione Europea. A stabilire il “debutto” dell’amministrazione provinciale nell’ambito dell’alta formazione a livello comunitario è una delibera approvata dalla giunta Giudici nei giorni scorsi. Lì sono fissate, nero su bianco, le regole attraverso cui verranno selezionati i giovani che partiranno per lo stage verosimilmente alla fine di gennaio del prossimo anno, dopo un training preparatorio a cura del Settore Lavoro e Pubblica Istruzione della Provincia stessa.

Pubblicato lo scorso 12 dicembre all’Albo Pretorio, il bando prevede che le domande degli aspiranti stagisti “europei” vengano presentate entro il 2 gennaio. Il progetto è rivolto a venti giovani in possesso del diploma di maturità o di qualifica professionale, conseguito negli istituti tecnici, professionali e artistici, negli indirizzi di studio specificati nel bando, non iscritti all’Università e non iscritti a ulteriori corsi di studio. Tra le condizioni che costituiscono titolo di priorità la residenza in Provincia di Sassari o il fatto di aver frequentato le scuole superiore della Provincia di Sassari ancorché residenti in altre Province dell’isola.

Il tirocinio all’estero punta a verificare, nella concreta dimensione operativa, le conoscenze acquisite a scuola, per costruire su misura competenze operative che possano essere spese nel mercato del lavoro, così da arricchire il curriculum vitae dei giovani selezionati e accrescere la propria occupabilità. Ma non è considerato obiettivo secondario quello di consentire ai giovani di vivere per un periodo in realtà aziendali pertinenti rispetto al percorso formativo compiuto, per osservarne e capirne i meccanismi, le gerarchie, le modalità relazionali, acquisendo elementi innovativi da importare in caso di successive esperienze lavorative nel territorio.

«Riteniamo che oggi sia fondamentale compiere un’esperienza di lavoro e di vita all’estero, per mettere alla prova e accrescere la propria autonomia personale e lo spirito d’iniziativa e di adattamento, che sono condizioni essenziali in un mercato del lavoro che deve vedere i nostri ragazzi sempre più predisposti e disponibili alla mobilità geografica», spiega l’assessore provinciale al Lavoro, Salvatore Marino. Per il presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, «è importante anche perfezionare le proprie competenze linguistiche e le proprie capacità comunicative, sviluppando così non solo una personale attitudine al mercato globale del lavoro, ma anche un moderno e maturo atteggiamento interculturale».

Il bando del progetto “Leave” può essere letto o scaricato da www.provincia.sassari.it

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...